Economia e Lavoro

Si spegne la centrale elettrica di Ottana

Da oggi il polo energetico di Ottana sarà spento del tutto. La chiusura mette in discussione il futuro dell'industria nella Sardegna centrale. Ad annunciare la notizia è stato il deputato di Unidos, Mauro Pili



CAGLIARI - "Un vero e proprio disastro industriale ed economico che rischia di travolgere tutte le attività economiche della zona industriale di Ottana e e non solo. Il governo non solo ha deciso per legge di negare il diritto al riconoscimento del regime di essenzialità della centrale a vapore, ma ha fatto di tutto per affossare il polo industriale. Per questo motivo presenterò emendamenti correttivi nel decreto mille proroghe che sarà annunciato alla Camera il prossimo 4 gennaio. L’essenzialità deve essere riconosciuta a tutte le centrali sarde proprio per la condizione insulare della Sardegna”.

Lo ha detto ieri pomeriggio il deputato di Unidos Mauro Pili che ha denunciato l’avvio dello spegnimento della centrale di Ottana. “Nell’emendamento che ho trasmesso stamane agli uffici della Camera è previsto che alle centrali elettriche sarde sia riconosciuto un regime di essenzialità insulare pari a quello in vigore sino al 31 dicembre 2015 a condizione che presentino un piano industriale di revamping e adeguamento ambientale delle centrali stesse da realizzarsi entro e non oltre i successivi 36 mesi dall’approvazione del piano stesso da parte dell’autorità per l’energia di concerto con la regione Sardegna e Ispra. Tale regime di essenzialità a condizione ambientale è riconosciuto permanentemente sino all’entrata in attività del metanodotto di connessione della Sardegna con le reti transeuropee energetiche del metano. Il governo e la regione devono immediatamente intervenire per fermare la chiusura di Ottana, un colpo letale per un intero territorio e per un’intera area industriale”.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it