Economia e Lavoro

Proteste nel Sulcis, il sindacato: "Territorio allo sbando, il tempo delle promesse è finito"

"Il tempo delle promesse è finito. Il territorio è allo sbando, il tessuto produttivo ormai inesistente, il lavoro un miraggio".



Lo afferma il vice segretario regionale dell'Ugl Sardegna, Piergiorgio Piu, in merito allo stato di agitazione proclamato nel Sulcis che "vede protagonista non solo i sindacati ma la parte sofferente della società civile, quella produttiva, delle partite Iva, degli studenti, degli artigiani".

"Riunioni, tavoli di concertazione, promesse, parole: il Sulcis e la Sardegna sono stanche di sentirsi ripetere sempre le solite litanie dal 'palazzo'. Qui siamo di fronte al fallimento più totale delle politiche del lavoro della Giunta regionale e del Governo con una serie interminabile di vertenze aperte, Alcoa ed Eurallumina in primis - afferma Piu -, e non c'è più tempo da perdere".

L'Ugl chiede alla Regione ed al Governo "interventi urgenti ed immediati a sostegno dell'occupazione, la chiusura delle vertenze Alcoa ed Eurallumina, un piano straordinario per il lavoro da attuare in tempi brevissimi, con un'iniezione di denaro fresco ed immediatamente spendibile, l'azzeramento delle tasse, la sospensione della riscossione forzata dei tributi".

"E' evidente – conclude Piu – che chi siede in viale Trento e a Palazzo Chigi non si rende conto di ciò che sta avvenendo sul territorio, dove le famiglie non riescono letteralmente a mettere insieme il pranzo con la cena. Il Sulcis, in queste condizioni, è un territorio senza futuro".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it