Economia e Lavoro

I pastori scendono in piazza a Cagliari

Pastori sardi a Cagliari per protestare contro il taglio del 30% sul prezzo del latte e contro la presenza del pecorino rumeno nei mercati sardi.



CAGLIARI - Lo scandalo del pecorino romeno trasportato in condizioni igieniche pessime all'interno di un autotreno diretto in Sardegna secondo la polizia stradale che lo ha fermato e multato scatena la protesta dei pastori che si sono dati appuntamento questa mattina, dalle 9 alla Fiera internazionale della Sardegna, in Piazza Marco Polo a Cagliari. 

"Sostenere che il pecorino è fatto in Romania con "latte migliore di quello sardo" come sembra abbia fatto Pierluigi Pinna è oltre che falso anche strumentale ma soprattutto mostra disprezzo nei confronti del lavoro quotidiano di 15mila pastori e della ricchezze della nostra grande Isola" ha affermato il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu Coldiretti.

"La Polizia ha sollevato il velo dell'ipocrisia dietro il quale - sostiene la Coldiretti – si nasconde purtroppo un fenomeno molto diffuso contro il quale siamo costretti a mobilitarci per difendere il lavoro, gli animali, le stalle ed i pascoli custoditi da generazioni messi a rischio dalle speculazioni e dalle furberie".

L'obiettivo per la Coldiretti è difendere una tradizione secolare che "dopo il fallimento dello sviluppo industriale, rappresenta il vero valore aggiunto per il rilancio l'economia, il lavoro ed il turismo".

Accanto ai pastori anche allevatori, coltivatori di ortofrutta, vino, cereali e delle altre produzioni. Con loro il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e altre autorità politiche.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it