Economia e Lavoro

Federalberghi, guerra a B&B e case vacanza

"Basta all'anarchia sui B&B ed il controllo sull'abusivismo non può essere limitato a protocolli di intesa". Così i rappresentanti di Federalberghi e Confcommercio Sardegna davanti alla commissione Attività produttive del Consiglio regionale in merito alle 10 proposte di legge sul turismo.



CAGLIARI - Federalberghi – Confcommercio Sardegna sollecita “una legge organica e non una visione parziale che rischia di essere già vecchia nel momento in cui viene approvata e una nuova disciplina delle strutture ricettive alberghiere e non alberghiere per garantire condizioni di concorrenza leale tra tutti i soggetti che si occupano di ricettività turistica, puntando a combattere l'abusivismo”.

Tutte le strutture ricettive, anche le case per vacanze e B&B, dovranno essere imprese soggette all’obbligo di comunicazione dei flussi turistici e alla denuncia degli ospiti secondo le norme vigenti – sostiene Paolo Manca, presidente di Federalberghi Sardegna - Deve essere chiaro cosa è gestione imprenditoriale con i relativi obblighi e cosa non è gestione imprenditoriale e quindi gestione familiare ed integrazione al reddito che ovviamente non può utilizzare l’intermediazione professionale. Bisogna dire basta all'anarchia sui B&B ed il controllo sull'abusivismo non può essere limitato a protocolli di intesa, ma va costruito un sistema preventivo e successivamente verificato sul campo dall’istituzione regionale, visto che i comuni dimostrano la loro grande incapacità nello svolgere ogni minima attività contenitiva del fenomeno, per l’ovvia vicinanza agli attori del territorio. Vanno evitati – aggiunge Manca - effetti distorsivi sui corretti rapporti di concorrenza tra imprese turistiche, tutela del consumatore/turista e una comunicazione che sia trasparente e non ingannevole”.

Bocciata anche l'ipotesi di “introdurre un numero elevato di tipologie ricettive soprattutto extralberghiere”, mentre sulla classificazione delle strutture Federalberghi punta il dito “sull'eccessiva complicazione dei parametri: occorrerebbe, invece, limitarsi agli standard minimi che differenziano una tipologia di struttura dall’altra, e soprattutto occorre seguire principi di classificazione Europei come Hotel Stars Euro Union”.

Secondo il presidente regionale di Confcommercio Sardegna, Alberto Bertolotti, che auspica un percorso in condivisione sulla legge con Confindustria, Confesercenti e Confapi, “c'è anche la necessità che gli strumenti comunali di pianificazione dei litorali debbano essere concepiti non secondo una ottica esclusivamente urbanistica ma di programmazione turistica in una cornice legislativa dentro la quale i Comuni si possano muovere in maniera omogenea. E' l'intero sistema turistico regionale che deve decidere con quali parametri omogenei presentarsi ad un flusso turistico che per il 79% sceglie la nostra isola per motivazioni balneari”.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it