Economia e Lavoro

Vesuvius, la Regione si oppone alla chiusura. "Inaccettabile trasferimento nell'est Europa"

"Ci opporremo in tutti i modi alla chiusura degli impianti della Vesuvius. La scelta della multinazionale di delocalizzare gli stabilimenti nell'est europeo e di continuare a vendere il prodotto in Italia non è accettabile".



È quanto ha detto l'assessore dell'Industria, Maria Grazia Piras, durante l'incontro convocato oggi a Roma, nella sede del Ministero dello Sviluppo Economico, per esaminare la vicenda che riguarda gli impianti di Macchiareddu, ad Assemini, e di Avezzano.

I rappresentanti dell'azienda hanno confermato l'intenzione di andare via dall'Italia e di trasferire la produzione altrove mettendo in mobilità il personale attualmente occupato nello stabilimento sardo e in quello abruzzese. L'esponente della Giunta Pigliaru, condividendo le preoccupazioni dei lavoratori e dei sindacati, ha dichiarato che la Regione è disponibile a un confronto a tutto campo purché ci sia un ripensamento da parte della Vesuvius. "La situazione è delicata ma lavoriamo perché si possa aprire un spiraglio  avviando una trattativa che consenta di evitare lo smantellamento del sito produttivo e il mantenimento dei posti di lavoro. La vicenda – ha concluso l'assessore Piras – è ancora più complessa perché l'azienda si oppone a un intervento di reindustrializzazione per far sì che ad Assemini si continui a realizzare la stessa tipologia di prodotto".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it