Economia e Lavoro

Acquisti di Natale 2016, i sardi tirano la cinghia. Crollo viaggi e tecnologia

Si preferisce acquistare cibo e, se serve, giocattoli e oggetti utili alla casa. Ogni cittadino spende "appena" 125 euro, il portafoglio viene aperto con molta fatica. "Segnali di ripresa timidi, in aumento le compere online".



CAGLIARI - Natale: piccoli segnali di ripresa ma festività “dimesse”. Stima spesa 164 euro pro capite, alimentari e online. Malgrado la crisi economica ed il clima di sfiducia già perdurante, si intravvede solo qualche piccolo segnale di ripresa per gli acquisti natalizi anche in Sardegna. È quanto emerge dall'indagine sul Natale 2016 realizzata da Confcommercio Imprese per l’Italia in collaborazione con Format Research, con dati rielaborati da Confcommercio Sardegna.

Si stima un piccolo incremento medio delle vendite +0,2% ponderato con differenti effetti sui vari settori che compongono il commercio, anche se il 71,7% dei sardi prevede "un Natale molto dimesso". La spesa media è di 164 euro pro capite a livello nazionale (contro o 166,1 dello scorso anno), mentre in Sardegna si attesta su valori più bassi, sui 123 euro (circa 250 euro per una famiglia di due persone). Rispetto al 2009 siamo però al – 25,2% di spesa. Si punta essenzialmente su alimentari, giocattoli e casalinghi mentre risultano in calo viaggi, telefonini ed elettronica. In forte crescita gli acquisti online effettuati dal 46% dei consumatori (44% a livello nazionale).

“La crisi non è ancora alle spalle e questo timido segnale di crescita non ci può fare stare tranquilli per il futuro – dice il presidente di Confcommercio Sardegna Alberto Bertolotti – L'Istat ci ha confermato che il Pil della Sardegna diminuisce e serve una marcia in più per aiutare le imprese che sono gli unici soggetti in grado di creare lavoro. Servono innanzitutto regole certe stabili nel tempo e uguali per tutta l'Isola, maggiore semplificazione burocratica e incentivi. Bisogna continaure sulla strada dei bandi – aggiunge - e rifinanziatre quelli per le piccole e medie imprese, oltre a sostenere le startup e le aziende che non hanno più di due anni di vita. Infine occore stanziare nuovamente le risorse per gli investimenti al di sopra dei 150mila euro: non c'è più tempo da perdere”.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it