Economia e Lavoro

L'elisir di lunga vita dei sardi grimaldello per il turismo. Itinerari "blue" nel cuore dell'Isola

La longevità degli abitanti di una delle poche "blue zone del mondo" diventa utile per promuovere tutta la Regione. Percorsi unici tra natura, cultura ed enogastronomia. Vetrina anche al Giro d'Italia.



CAGLIARI - Lunedì 13 febbraio doppio appuntamento a Lanusei sulla longevità dei sardi come strumento di promozione turistica. L'elisir di lunga vita, in particolare degli ogliastrini, da tempo concentra l'attenzione di scienziati e ricercatori di tutto il mondo e da qualche anno l'interesse ha contagiato anche autorità, media e opinione pubblica di vari Paesi extraeuropei, soprattutto Cina e Stati Uniti, diventando uno straordinario veicolo promozionale. L'iniziativa al teatro Tonio Dei della città ogliastrina si apre con un convegno sulle strategie dell'assessorato regionale del Turismo, nell'ambito della valorizzazione degli itinerari della qualità della vita nella "blue zone" sarda, il territorio dove le percentuali di centenari e persone longeve in buona salute sono di gran lunga superiori alla media. In serata, la proiezione del documentario "Il club dei centenari" del regista Pietro Mereu con l'introduzione dell'antropologo visuale Simone Ligas.

CONVEGNO E DOCUMENTARIO - L'appuntamento viene inaguruato dal sindaco di Lanusei, Davide Ferreli, che presenta la strategia di sviluppo turistico complessivo della città, capofila del progetto regionale "Esperienza Ogliastra Blue Zone". A seguire gli interventi di Antonio Usai, delegato regionale Expo Milano 2015, e Tonino Mereu, subcommissario della provincia d'Ogliastra. L'assessore Francesco Morandi traccia un quadro di sviluppo e promozione dei quattro itinerari della longevità inseriti nel progetto - "Blu Vita, Blu Mare, Blu Cielo" e archeologico - incentrati sulle quattro dimensioni qualificanti della qualità di vita in Sardegna e finalizzati alla valorizzazione di attrazioni ambientali, naturalistiche, culturali, archeologiche ed enogastronomiche dell'Ogliastra. I percorsi sono strutturati come prodotto turistico che viene rilanciato anche nell'ambito del progetto promozionale della Regione per il Giro d'Italia 2017 - Edizione 100, e inserito nelle strategie di destagionalizzazione. Nel corso dell'incontro sarà inoltre presentato al pubblico il menhir informatico installato nel sito archeologico del Bosco Seleni e si parlerà di genetica e invecchiamento con Edoardo Fiorillo, responsabile del centro di ricerca Progenia di Lanusei, e con Gianni Pes, docente all'Università di Sassari, esperto di nutrizione e malattie legate al metabolismo.

LONGEVITÀ E QUALITÀ DI VITA - Alcune delle dimensioni qualificanti della Sardegna, qualità dell'ambiente, benessere sociale, stile di vita e altissimo valore delle produzioni agroalimentari, hanno un ruolo fondamentale in quello che viene definito dai ricercatori '"nvecchiamento di successo". Per conoscere questi sorprendenti volti dell'isola, e dell'Ogliastra in particolare, occorre fare un viaggio alla scoperta di prodotti agricoli e pastorali e tecniche di lavorazione delle pietanze, attraverso cui si tramandano le consuetudini e le storie dei territori. La coesistenza di questi elementi favorevoli, insieme al patrimonio genetico, contribuiscono a un'esistenza duratura e in buona salute. "La terra dei centenari sta conquistando spazi di visibilità in tutto il mondo, specie attorno alle usanze alimentari e allo stile di vita dell'Ogliastra", dice Morandi. "Da qui la sua valorizzazione turistica: nella 'blue zone' sarda i visitatori possono vivere esperienze di vacanza o di vita impareggiabili grazie a itinerari incentrati sui paradisi naturalistici tra montagna e mare e sui prodotti enogastronomici locali".

FONTE FOTO

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it