Economia e Lavoro

Patto del Coros, alleanza strategica tra 23 Comuni. Turismo e agroalimentare "benzina" per il rilancio

Si allarga il cerchio di amministrazioni comunali che fanno quadrato per far rinascere l'area dell'Anglona. 54mila abitanti coinvolti. I settori trainanti: impresa, agroalimentare ed energia.



L'Unione di Comuni dell'Anglona-Bassa Valle del Coghinas allarga l'alleanza ai Comuni del Coros, ed estende così a 23 paesi e 54mila abitanti il progetto di programmazione territoriale che punta su turismo, agroalimentare ed energia. Il percorso viene avviato a Ittiri con l'assessore regionale del Bilancio, Raffaele Paci, che sottolinea come questo territorio abbia dimostrato coesione istituzionale e capacità di condivisione della strategia di sviluppo, principi cardine della programmazione territoriale voluta dalla Giunta.

POCHE REGOLE, ALLEARSI È LA PRIMA - "Le regole sono poche e chiare, la prima è che i Comuni per poter presentare la manifestazione d'interesse devono allearsi e allargare l'alleanza il più possibile. Un messaggio colto in pieno da questo territorio con cui oggi iniziamo ufficialmente il percorso di co- progettazione: più è ampio il territorio, più si riesce a fare sistema, maggiori sono le possibilità di favorire lo sviluppo e le condizioni per creare nuova occupazione", dice l'assessore Paci. Con il sindaco di Ittiri Antonio Sau, ad accogliere il vicepresidente della Regione anche il presidente dell'Unione di Comuni dell' Anglona-Bassa Valle del Coghinas, Pietro Carbini, il vicepresidente dell'Unione di Comuni del Coros, Franco Spada e il referente politico dell'Unione capofila e sindaco di Tergu, Gian Franco Satta.

IMPRESE, PRESENZA IRRINUNCIABILE - "L'esempio che viene da questo territorio di mettersi insieme è un esempio importante, perché dimostra che c'è la volontà da parte degli amministratori di superare la frammentarietà e dare supporto vero all'associazionismo e alle imprese, che hanno voglia di reagire e di rimettere in moto l'economia. La Regione", assicura l'esponente della Giunta Pigliaru, "è pronta a fare la sua parte ed è pronta a lavorare insieme ai territori, alle istituzioni e alla comunità per costruire progetti di sviluppo seri ed efficaci. Le risorse ci sono e le vogliamo mettere a valore sulla base delle strategie che le istituzioni ci propongono insieme alle imprese, la cui presenza consideriamo irrinunciabile per costruire progetti concreti e realizzabili".

RISORSE VERE E TEMPI RAPIDI - Mai più Accordi di Programma firmati senza la certezza delle risorse finanziarie e spesso mai realizzati: le proposte arrivano dal basso e la Regione, attraverso specifici tavoli tecnici di lavoro, affianca i territori e li accompagna nella trasformazione delle idee in strategie di sviluppo, coerenti con i programmi operativi e finanziabili, mettendo insieme tutte le risorse disponibili comunitarie, nazionali e regionali. "Da parte nostra ci impegniamo in un lavoro rigoroso di valutazione e analisi dei progetti per lo sviluppo del territorio, garantendo certezza dei tempi e velocità di spesa e realizzazione, con un unico soggetto attuatore e una sola centrale di committenza. A questo percorso affianchiamo i bandi territorializzati per le imprese, dedicati alle filiere produttive specifiche individuate nei progetti di sviluppo. Noi siamo pronti", conclude Paci, "uniamo le forze, come avete già dimostrato di saper fare, e portiamo rapidamente sul territorio strategie e finanziamenti per favorire sviluppo e occupazione".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it