Economia e Lavoro

Dazi azzerati, il riso straniero invade l'Isola. "Tossine e Ogm proibiti, allarme sanitario"

Boom di importazioni da Vietnam e Thailandia, al palo le produzioni sarde. In pericolo la salute dei consumatori."Alta presenza di antiparassitari cancerogeni, metalli pesanti e insetti".



CAGLIARI - Nel 2016 il riso straniero invade l’Italia, e oltre la metà arriva dall’Oriente. Nell’ultimo anno le importazioni salgono del 489 per cento dal Vietnam e del 46 per cento dalla Thailandia. Emerge da un’indagine della Coldiretti sui dati Istat dalla quale si evidenzia che, nell’anno appena trascorso, viene registrato un aumento record del 21 per cento delle importazioni che ha fatto scattare ben 12 allerte sanitarie da contaminazione per il riso e i prodotti a base di riso da Paesi extracomunitari in Europa secondo i dati del sistema di allarme rapido comunitario. Le partite “fuorilegge” pericolose per la salute dei cittadini riguardano la presenza irregolare di residui antiparassitari, di aflatossine cancerogene o altre tossine oltre i limiti, infestazioni da insetti, livelli fuori norma di metalli pesanti o la presenza di Ogm proibiti in Italia e in Europa. Un pericolo per i consumatori che si estende a livello comunitario dove nell’ultima campagna di commercializzazione si raggiunge il record di importazioni con l’ingresso in Europa di 1380000 tonnellate di riso lavorato, di cui 370mila dai Paesi Meno Avanzati.

Un’invasione senza precedenti per l’Italia, dove si produce il 52 per cento del riso totale europeo, con 237mila ettari. Tra le regioni a pagarne maggiormente le spese c’è sicuramente la Sardegna, dove 85 aziende (80 a Oristano e 5 nel Medio Campidano) coltivano a riso circa 3400 ettari (circa il 92% a Oristano, il resto nel Medio Campidano). Le altre Regioni maggior produttrici di riso sono Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna (altre superfici interessanti riguardano la Calabria e la Toscana). Ormai i due terzi delle importazioni non pagano più dazi a causa dell’introduzione da parte dell’Europa del sistema tariffario agevolato per i Paesi che operano in regime EBA (tutto tranne le armi) a dazio 0. Una misura che finisce in realtà per favorire le multinazionali del commercio senza ricadute concrete sugli agricoltori locali che subiscono peraltro lo sfruttamento del lavoro anche minorile e danni sulla salute e sull’ambiente provocati dall’impiego intensivo di prodotti chimici vietati in Europa.

“I nostri produttori pagano il prezzo dell’assenza di trasparenza – evidenzia il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu -. Il riso Made in Italy, è una realtà da primato per qualità, tipicità e sostenibilità che andrebbe tutelato e difeso con l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza. L’indistintività vanifica gli sforzi dei nostri agricoltori, per il riso così come per il grano, penalizzando produttori e consumatori costretti ad acquistare senza consapevolezza. Seguono percorsi produttivi e regole diverse ma poi non si distinguono nel bancone del supermercato”.

“Il riso sardo ha qualità ancora superiori – continua il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba – grazie al clima che consente una migliore germinazione e più resistenza alle malattie, che si traduce in meno trattamenti. Ma il dono della natura diventa un difetto perché non c’è continuità territoriale delle merci. Il riso per esempio costa tra i tre e i quattro euro in più al quintale rispetto a quello prodotto nel resto della Penisola. Inoltre, oltre a non esserci promozione dei prodotti sardi nelle mense, come sottolinea la nostra Organizzazione a livello nazionale, occorre pubblicizzare i nomi delle industrie che utilizzano riso straniero. Servono interventi comunitari tempestivi ed efficaci nei confronti delle importazioni incontrollate, che prevengano il rischio di perdite economiche per i nostri risicoltori. In tal senso, la clausola di salvaguardia, già rifiutata dalla Ue senza una quantificazione evidente dei danni, dovrebbe essere applicata con una procedura più efficace dall'Unione”.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it