Economia e Lavoro

Per l'agnello sardo un 2016 d'oro. Boom di marchi Igp: 755mila

Trend positivo e continuo balzo in avanti, pių 16 per cento. I dati dell'Agris e Ineq "benedicono" il lavoro quotidiano dei pastori. Plauso da Contas: "Pių tutele anche per i consumatori".



CAGLIARI - Il trend si conferma positivo anche nel 2016. Gli agnelli sardi certificati con il marchio Igp fanno un ulteriore balzo in avanti nell'ultimo anno, aumentando di 105mila rispetto all'anno prima (+16%). Un dato in linea con gli ultimi anni: gli agnelli certificati passano dai 650mila del 2015 ai 755 mila del 2016. Una crescita continua e costante. Numeri importanti che consentono da una parte di tutelare il lavoro dei pastori e dall'altra i consumatori che possono scegliere consapevolmente grazie ad una etichetta trasparente che permettere di riconoscere un agnello sardo nato, allevato e macellato in Sardegna da pecore di razza sarda come da disciplinare di produzione del Consorzio di tutela dell'Agnello di Sardegna Igp da uno di origine sconosciuta. I dati arrivano dagli organismi di controllo Agris (fino a novembre) e Ineq (da novembre a dicembre) che hanno reso noti i capi certificati.

"La crescita degli agnelli marchiati Igp di Sardegna è una notizia positiva e dobbiamo puntare alla certificazione del 100 per cento degli agnelli nati da pecore di razza sarda – commenta il presidente del Contas Battista Cualbu -. Sicuramente non siamo soddisfatti del prezzo con il quale viene pagato al pastore. Per questo come Consorzio siamo impegnati in una serie di azioni mirate a conoscere meglio il mercato. Avremo anche un agente vigilatore in pianta stabile. La recente assoluzione ci consente di sbloccare un poco di risorse e poterle destinare alla promozione. A breve parteciperemo, per la prima volta nella storia del Consorzio, ad una fiera. la Tuttofood di Milano dall'8 all'11 maggio".

"I dati di Agris e Ineq – ricorda la direttrice del Contas dando una informazione di servizio ai soci del Consorzio – sono quelli ufficiali che determineranno l'erogazione del premio accoppiato. Per questo è fondamentale che i soci verifichino attraverso il sito del Consorzio o quello di Ineq eventuali errori di registrazione che potrebbero comportare l'erogazione di premi comunitari non corretti".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it