Economia e Lavoro

Tassa sulla casa, chi la paga e chi no. Le aliquote decise dai Comuni

L'imposta municipale unica per chi possiede un'abitazione rientra tra i pagamenti di giugno. Non tutti devono però pagarla. Le cifre cambiano da città a città, è tutto tra le mani delle amministrazioni comunali.



Niente Imu anche quest'anno per i proprietari di una prima casa che non sia di lusso ossia rientri nelle categorie A/1, A/8 e A/9. Per tutti gli altri, invece, l'appuntamento con il fisco si avvicina. Entro il 16 giugno bisognerà pagare l'acconto oppure scegliere di versare tutto in un'unica rata o in due delle quali la seconda con scadenza il 16 dicembre. Per pagare si può utilizzare l'F24 oppure il bollettino postale. L'acconto, precisa Facile.it, dovrà essere versato dai proprietari di immobili diversi dalla prima casa, di aree fabbricabili e terreni, di chi è assegnatario della casa coniugale in caso di separazione o divorzio, dai locatari di immobili in leasing immobiliare e dai concessionari di aree demaniali. Le aliquote variano tra lo 0,46% all'1,06%.

L'Imu è dovuta, inoltre, dai proprietari di prime case di lusso con un'aliquota agevolata dello 0,4%, che i comuni possono ritoccare verso l’alto e o verso il basso di uno 0,2%, e una detrazione Irpef di 200 euro. Esenti, infine, gli immobili di proprietà di persone anziane o disabili, ricoverate in modo permanente in istituti, se la casa non è data in affitto. Non solo Imu: sono tante le tasse da pagare lungo il sesto mese dell'anno.

Ultimo aggiornamento: