Economia e Lavoro

I pastori non si fidano della politica sarda: "Nuova protesta, aspettateci in porti e aeroporti"

Il Movimento Pastori Sardi incalza la politica. Dopo la manifestazione del 2 agosto a Cagliari dal Consiglio regionale Ŕ arrivato l'impegno alla ricerca di 35 milioni di euro per la crisi della pastorizia. Ma ancora nulla di concreto. "A settembre nuova battaglia".



CAGLIARI - Il Movimento Pastori Sardi annuncia una nuova durissima battaglia. I pastri pur dichiarandosi soddisfatto di quanto accaduto al termine della manifestazione del 2 agosto, con la presenza in piazza del presidente Pigliaru che si è impegnato nella ricerca di 35milioni di euro necessari alla sopravvivenza di greggi e aziende, "si sente meno soddisfatto davanti alle continue esternazioni di un partito che definisce 'trasversale'. Si evince subito la natura subdola di taluni interventi atti solo a garantire un remare contro che per i pastori equivale ad una dichiarazione di guerra". Queste le dichiarazioni affidate alla pagia facebook del movimento: "I pastori  - si legge - hanno più volte ricordato che necessitava tempestività e volontà di non aspettare ulteriore tempo. Le congetture dei soggetti suddetti fanno intuire che nel momento in cui si arriverà in aula, questi non faranno altro che cercare di invalidare quanto si è costruito. Dal momento che la pazienza e l'educazione dei pastori non va scambiata con mancanza di scaltrezza, il Mps decide di farsi sentire fin da subito! Aspettateci nei porti e negli aeroporti, ci vedrete presto. E, soprattutto, appuntamento di nuovo a Cagliari per la prima settimana di settembre".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it