Economia e Lavoro

Il 31 ottobre i pastori sardi protesteranno a Cagliari

Il 31 ottobre pastori saranno di nuovo a Cagliari per una nuova grande manifestazione.



"Il motivo di ciò è presto detto - fanno sapere -: il Movimento pastori Sardi, ancora una volta, si vede costretto a denunciare la vergognosa e scellerata politica che ha lasciato mano libera all'Assessorato all'Agricoltura e ai burocrati, che hanno di fatto invalidato il grande risultato raggiunto dai pastori il 2 agosto. In quella occasione la richiesta era stata chiara: affrontare l'emergenza e soprattutto evitare che le pecore morissero di fame.  La Giunta avvertendo il profondo stato di necessità aveva preso impegni sinceri nei confronti della vertenza. Infatti, già a metà settembre i pastori potevano riporre le proprie speranze di affrontare la nuova annata nei 45 milioni di euro trovati per superare il terribile stato di crisi dovuto al crollo del prezzo del latte e degli ultimi due anni gravemente siccitosi. Al momento, però, di inoltrare le domande, i pastori si sono trovati davanti un scoglio che ha dell'assurdo: i soldi saranno vincolati da pesanti controlli atti al recupero coatto da parte dell'Inps dei debiti relativi ai contributi previdenziali e quant'altro. Tale epilogo appare come una beffa: i pastori hanno marciato su Cagliari testimoniando che si stava scegliendo se dare da mangiare alla famiglia o sostentamento alle pecore e oggi si ritrovano braccati da una burocrazia che sembra non avere niente a che fare con la realtà. Il Movimento Pastori Sardi è certo che dietro a questo ennesimo attacco ai pastori ci sono i soliti noti, e il 31 ottobre a gran voce ne chiederanno le dimmissioni, in primis quelle dell'assessore all'agricoltura Caria".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it