Economia e Lavoro

Cagliari. Tari ridotta: i cittadini per il 2018 risparmieranno tra il 6 e l'8% sulla tassa rifiuti

Ieri sera il Consiglio Comunale di Cagliari ha approvato la riduzione delle tariffe TARI a partire dall’anno 2018.



L'obiettivo da perseguire è quello di arrivare non solo ad una più equa distribuzione delle tariffe, ma soprattutto quello di trasformare la TARI, adeguando i costi al volume di rifiuti prodotti e non alle dimensioni degli immobili a cui si riferisce.


Un primo significativo passo verso il contenimento della spesa per i cittadini è stato fatto “Siamo riusciti – ha spiegato il Sindaco Massimo Zedda - nell'ultimo mese, a trovare le risorse per una riduzione per tutti. Inizialmente si pensava che gli effetti della raccolta porta a porta si sarebbero fatti sentire solo a partire dal 2019 e invece siamo riusciti già nel 2018 e far risparmiare ai cittadini tra il 6 e l'8% rispetto a quanto pagato fino ad ora”.

Si lavora su più fronti ma intanto aver diminuito da subito le tariffe non può che essere un buon inizio anche se ci sarà altro lavoro da fare per completare l'opera. “Intanto – ha aggiunto Massimo Zedda – iniziamo da questo punto e poi andremo avanti. Sappiamo che la tassa sui rifiuti è alta, ma abbiamo abbattuto le altre e non va dimenticato che all'interno della TARI ci sono tanti servizi che il comune fornisce gratuitamente, come il ritiro dei rifiuti ingombranti. E tra i tanti servizi offerti, dalle scuole alle mense passando per il trasporto con gli scuolabus, abbiamo le tariffe tra le più basse d'Italia”.

“Purtroppo – ha aggiunto il presidente del Consiglio Comunale, Guido Portoghese – noi paghiamo anche per il conferimento abusivo da parte degli abitanti dei centri vicini, ma con la nuova raccolta, che all'inizio porterà qualche difficoltà nell'approccio, le cose cambieranno”.

Numeri alla mano, per le utenze domestiche il risparmio potrà arrivare fino a cinquanta euro all'anno ma anche nel campo del commercio ci saranno dei ritocchi verso il basso.

Una scelta fatta perché la raccolta differenziata, stimolata anche da una minore tassazione, possa dare effetti benefici non solo all'ambiente ma anche alle tasche dei cittadini.

Ultimo aggiornamento: