Economia e Lavoro

Sardinia Tourism Call2Action, parte seconda: il turismo culturale e archeologia

Secondo appuntamento tematico di Sardinia Tourism Call2Action, programma di eventi di approfondimento professionale e confronto interattivo per gli stakeholder del mondo turistico regionale.



Il patrimonio storico-artistico e archeologico è il maggior attrattore di viaggi in Italia: è il presupposto dell'evento 'Turismo culturale e archeologia', in programma il 23 e il 24 maggio all'aeroporto di Olbia Costa Smeralda, promotore con la Regione Sardegna dell’evento.
 
"In questi ultimi mesi – dice l'assessora Barbara Argiolas - ci siamo concentrati su una serie di attività strategiche e sinergiche da attuare insieme a tutti gli attori del turismo: l'obiettivo è sviluppare un approccio organico da destination management, che mantenga al centro comunità e territori. Per questa ragione, attraverso due cicli di incontri territoriali, abbiamo scelto di dare un'impostazione partecipata alla definizione del Piano strategico "Destinazione Sardegna 2018-2021", un documento strategico che dovrà far sintesi delle istanze e delle esigenze emerse. Toccherà poi alla DMO regionale, per la quale stiamo definendo gli ultimi dettagli, dare operatività alle linee del Piano".
 
"Attraverso il programma Sardinia Tourism Call2Action – continua l'assessora – offriamo agli operatori sardi la concreta possibilità di approfondire i temi che rientrano nel Piano strategico e nel modello di sviluppo turistico che vogliamo dare alla Sardegna. Dopo il primo evento dedicato ai borghi, approfondiamo stavolta le potenzialità del turismo culturale: i numeri di questi anni dicono che l'economia nazionale legata a monumenti, musei, siti archeologici è in forte crescita e il rafforzamento del turismo culturale è una priorità per la Sardegna, soprattutto per la crescita di nuove stagionalità.

Ultimo aggiornamento: