Economia e Lavoro

LavoRas.I Comuni sardi potranno presentare i progetti per attivare i nuovi cantieri, mentre è attivo il sito internet lavoras

L’obiettivo è quello di creare 4.000 posti di lavoro.



Sarà pubblicata domani da Insar, soggetto attuatore del programma LavoRas Cantieri, la manifestazione d'interesse destinata ai Comuni che per i prossimi 30 giorni (o 45 in caso di richiesta da parte di Comuni in forma associata) potranno presentare i loro progetti. LavoRas stanzia 45,2 milioni per i cantieri di nuova attivazione per creare oltre 4.000 posti di lavoro. Una volta ricevuto il progetto, Insar ha 30 giorni di tempo per validarlo e mandare la bozza di convenzione ai Comuni che in 15 giorni devono firmare.

A quel punto inizia la terza fase che coinvolge Aspal e i Centri per l'impiego sulle liste dei disoccupati che vengono inviate dagli enti locali. È stato specificato che la tempistica è scandita su giorni solari e non lavorativi, per accelerare al massimo.

È online il sito di LavoRas sul portale ufficiale della Regione Sardegna. Il sito servirà a garantire informazioni costanti e aggiornate ai  Comuni per la parte cantieri e alle imprese per la parte bonus occupazionali.

LavoRas mette in campo 128 milioni per il 2018 e 70 milioni ciascuno per 2019 e 2020. È suddiviso in due macromisure: cantieri e incentivi occupazionali. L'importo è così ripartito: 45,2 milioni per i cantieri di nuova attivazione, 21 milioni e 260mila euro per i cantieri già operativi, 47,8 milioni per le politiche attive per il lavoro e 13,4 per altri interventi specifici. 

Il Piano LavoRas, voluto dalla Giunta e approvato attraverso l'ultima Finanziaria, è stato fortemente condiviso in tutto il suo percorso con i consiglieri regionali, le parti istituzionali, economiche e sociali. 

Sono 6 le tipologie di cantiere previste: ambiente, compresi i litorali e le aree umide, e dissesto idrogeologico; beni culturali e archeologici; edilizia; reti idriche; valorizzazione attrattori culturali; patrimonio pubblico ed efficientamento delle procedure comunali. Il soggetto gestore sarà Insar, che avrà funzioni di coordinamento operativo, l'assistenza tecnica è affidata ad Aspal tramite i Centri per l'Impiego che hanno il compito di compilare gli elenchi dei disoccupati per i Comuni.

Il ruolo di soggetto attuatore dei cantieri è affidato ai Comuni che possono procedere con assunzioni dirette o attraverso le cooperative sociali, agricole e forestali. Un Osservatorio, composto da tre rappresentanti ciascuno per Giunta, Consiglio, Enti locali, sindacati e datoriali, verificherà il rispetto del cronoprogramma e l'efficacia di LavoRas. La durata dei cantieri sarà di 8 mesi, ai quali può seguire l'indennità mensile di disoccupazione per altri 4. LavoRas offre un'occasione a tutte le tipologie di disoccupati: ai più giovani e a quelli avanti con gli anni, alle donne, a chi non ha professionalità specifiche e ai laureati, a chi non ha mai avuto un'occupazione e a coloro che invece sono fuoriusciti dal mercato del lavoro.

 

Ultimo aggiornamento: