Economia e Lavoro

Prodotti tipici sardi: souvenir preferito dai vacanzieri

I prodotti tipici come vino, formaggio, olio di oliva, salumi o conserve vincono su tutti.



 

Un terzo della spesa dei vacanzieri (italiani e stranieri) è destinata al cibo. E’ il risultato dell’indagine  Coldiretti/Ixe’ dalla quale emerge ancora una volta il primato del made in Italy e la crescita della consapevolezza e del grado culturale sull’enogastronomia. 

Dall’indagine emerge ancora che i prodotti tipici sono il souvenir preferito del 2018: acquistati da più di quattro italiani su 10 (42%) in vacanza.

Quest’anno appena il 19% degli italiani torna a mani vuote dalle ferie, ma le difficoltà economiche – sottolinea la Coldiretti – spingono verso spese utili, con i prodotti tipici come vino, formaggio, olio di oliva, salumi o conserve che vincono su tutte le altre scelte. Al secondo posto tra i souvenir si classificano prodotti artigianali e a seguire gadget, portachiavi, magliette.

 

“E’ il risultato di un lavoro di comunità – sottolinea il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu – perché arriva grazie ai tanti momenti in cui si valorizzano i prodotti locali: dai mercati a km0 di Campagna amica alle sagre e feste. Punti di aggregazione non fini a se stesse ed al semplice consumo ma dove il momento conviviale e sociale è accompagnato dal racconto del cibo facendone emergere il legame del cibo con il territorio. Da qui lo stimolo all’acquisto di prodotti tipici come ricordo delle vacanze”. 

Sette turisti su 10 (71%) in vacanza nel Belpaese hanno deciso di visitare frantoi, cantine, aziende, agriturismi o mercati degli agricoltori per acquistare prodotti locali a chilometri zero direttamente dai produttori e ottimizzare il rapporto prezzo/qualità. Il 34% dei vacanzieri – continua la Coldiretti - consuma pasti principalmente al ristorante durante la vacanza, il 9% in agriturismi, l’8% in pizzeria, ma più uno su quattro (il 26%) mangia a casa anche se non manca chi sceglie paninoteche, fast food, cibi di strada e pranzi al sacco.

Cibo buono e giusto, garantito, rispettoso dell’ambiente e degli animali. L’agricoltura italiana è la più green d’Europa e può contare oltre alle 5056 bandiere del gusto, 294 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg. In Sardegna i corrispondenti sono: 198 Bandiere del Gusto, 8 Dop/Igp e 18 Doc/Docg. L’Italia ha la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole biologiche 8oltre 2mila in Sardegna), la decisione di non coltivare organismi geneticamente modificati (ogm), 40mila aziende agricole impegnare nel custodire semi o piante a rischio di estinzione e il primato della sicurezza alimentare mondiale con il maggior numero di prodotti agroalimentari con residui chimici regolari (99,4%). 

“Le imprese agricole sono le custodi e le artefici di questo straordinario patrimonio – commenta il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba -. Grazie a loro abbiamo questi straordinari paesaggi. Una ricchezza che spesso non sappiamo raccontare a dovere soprattutto a livello istituzionale e sulla quale occorre investire molto di più, perché molto spesso è lasciata alla buona volontà del singolo produttore. Pensiamo al lavoro che è stato fatto sul benessere animale del quale non troviamo traccia nelle etichette”. 

 

 

Ultimo aggiornamento: