Economia e Lavoro

LavoRas, Quartu presenta 6 progetti

Cantieri per Ambiente, Beni Culturali, Urbanistica e Protezione Civile: più di 1 milione e 200 mila euro la cifra totale del programma.



L’Assessore alla Cultura Baire: “Incrementare la fruibilità dei nostri siti” L’Assessore all’Ambiente Terrana: “Limiteremo i pericoli degli incendi” L’Assessore all’Urbanistica Passino: “Sportello SUAPE molto più smart” Il Sindaco Delunas: “Quartu è pronta a rimboccarsi le maniche”
Approvati dalla Giunta comunale di Quartu i progetti relativi al programma LavoRAS, per un totale di 1 milione e 200 mila euro circa, messi a disposizione dalla Regione Sardegna. Soldi che permetteranno di investire nella città e per la città risorse che daranno un’occupazione a tanti disoccupati quartesi che aspettavano proprio quest’occasione per rimboccarsi le maniche e mettersi a lavorare. Sono in totale sei i progetti studiati dall’Amministrazione comunale di Quartu per il programma regionale LavoRAS, che offre un’occasione a tutte le tipologie di disoccupati: ai più giovani e a quelli avanti con gli anni, alle donne, a chi non ha professionalità specifiche ma anche ai tanti laureati che faticano a trovare un posto di lavoro, a chi non ha mai avuto un’occupazione e a coloro che invece sono fuoriusciti dal mercato. Un progetto importante che grazie ai cantieri darà lavoro immediato, con il duplice beneficio di una crescita dell’occupazione ma anche dei servizi per i cittadini. I cantieri di nuova attivazione proposti da Quartu si riferiscono in particolare all’Ambiente (2), ai Beni Culturali (2), all’Urbanistica e alla Protezione Civile. Il finanziamento richiesto ammonta nel complesso a 1.259.826 euro, come risultante dalla somma di 209.971 euro per ciascun progetto, integralmente inclusi negli stanziamenti regionali. Questi nel dettaglio i progetti presentati: realizzazione di una piattaforma informatica finalizzata all’efficientamento dei servizi di Protezione Civile; realizzazione di campagne di scavo archeologico attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie; valorizzazione attrattori dei beni culturali del patrimonio artistico, storico, architettonico e archeologico attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie; Interventi di manutenzione straordinaria su edifici scolastici e scuola dell’infanzia; Interventi di diminuzione degli incendi limitrofi alle strade comunali; completamento della transizione al digitale del servizio edilizia privata e condono.
“In virtù del ricco patrimonio quartese puntiamo alla digitalizzazione dei tantissimi beni culturali materiali e immateriali presenti nel territorio - spiega l’Assessore alla Cultura Lucia Baire -. Si tratta di progetti finalizzati a introdurre modalità innovative sia per la salvaguardia che per la fruizione dei beni culturali e dei siti archeologici, in particolare con l’utilizzo di nuove tecnologie multimediali finalizzate a diffondere appunto la conoscenza dei luoghi della cultura, quindi con riferimento al patrimonio artistico, storico, architettonico e archeologico. Inoltre - prosegue l’Assessore - sono previsti interventi di valorizzazione dei siti archeologici Nuraghe Diana, del complesso della Batteria Carlo Faldi e della Villa Romana di Sant’Andrea, con la valorizzazione, la tutela e il potenziamento delle opere accessorie. Abbiamo insomma la ferma intenzione di incrementare la fruibilità di questi siti”. Soddisfatta anche l’Assessore all’Ambiente e ai Servizi Tecnologici Tiziana Terrana: “Con i lavori previsti in progetto si potrà procedere alla manutenzione delle aree immediatamente a ridosso delle arterie urbane ed extraurbane, invase da quella vegetazione spontanea che è spesso il punto d’innesco degli incendi estivi. Vogliamo limitare il più possibile questi pericoli e rendere fruibili ai quartesi quegli spazi. In sostanza procederemo allo sfalcio delle erbe infestanti, al ripristino del funzionamento idraulico dei vari canali di scolo, alla messa in sicurezza delle aree confinanti con le abitazioni. Inoltre grazie all’altro progetto potremo intervenire nei numerosi edifici scolastici che necessitano di manutenzione straordinaria e di messa in sicurezza. In sostanza le maestranze assunte grazie al progetto potenzieranno le attività manutentive già in essere” conclude la Terrana. “I finanziamenti Lavoras permetteranno un’integrazione e una razionalizzazione di tutti gli aspetti procedimentali e documentali connessi alla gestione locale e remota delle attività inerenti i servizi edilizia privata e condono, con particolare riferimento allo Sportello SUAPE - aggiunge l’Assessore all’Urbanistica Paolo Passino -. In particolare la presenza di archivi cartacei, digitali locali e digitali remoti impone un’armonizzazione dei formati per snellire le attività di ricerca. In questo modo potremo ridurre notevolmente i tempi dei singoli adempimenti, con un impatto positivo sullo sviluppo. Inoltre, in merito al Piano Comunale di Protezione Civile abbiamo un progetto per la realizzazione di un sistema informatico capace di indicare con rapidità ed efficacia i rischi presenti sul territorio comunale, con contenuti cartografici, procedure operative e regole di autoprotezione. Informazioni costantemente aggiornabili e rese fruibili alla cittadinanza mediante un’app scaricabile gratuitamente sul cellulare”.

 

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it