Economia e Lavoro

ASPAL, inaugurato un Centro a Nuoro: trend positivo del mercato del lavoro nell'isola

Aumentano le assunzioni e cala la disoccupazione giovanile.



"Mentre l'Italia parla di riforma dei centri per il lavoro e di sostegno al reddito per le fasce più povere della popolazione, in Sardegna noi tutto questo lo abbiamo già fatto e funziona." Lo ha detto a Nuoro il presidente della Regione Francesco Pigliaru, intervenendo insieme all'assessora del Lavoro Virginia Mura all'inaugurazione della nuova sede del Centro per l'Impiego, alla quale hanno preso parte il sindaco di Nuoro Andrea Soddu, il direttore generale di Aspal Massimo Temussi e il commissario della Provincia Costantino Tidu.  "Abbiamo lavorato duramente e con determinazione alla riforma dei Centri, segnata fin da principio tra le priorità, e oggi siamo la regione più all'avanguardia su questo fronte", ha proseguito il presidente Pigliaru. "Come succede da tempo nei Paesi più evoluti, ora anche in Sardegna chi non riesce a trovare un'occupazione o ha perso il proprio lavoro sa che esistono luoghi come quello che inauguriamo qui oggi, punti di riferimento dove trovare risposte efficaci, strumenti adeguati e, in sostanza, un aiuto concreto. E i risultati - ha sottolineato - cominciano a vedersi. Nel 2016 la Sardegna aveva un tasso di disoccupazione giovanile al 56%, tra i più alti d'Europa. In un anno, grazie al lavoro che stiamo portando avanti, dai centri per l'impiego che iniziano a funzionare sino a tutto il ventaglio di strumenti che continuiamo ad attivare, siamo scesi al 46%. Parliamo di migliaia di giovani in più che hanno trovato occupazione, ed è un risultato decisamente incoraggiante. È la direzione giusta e continueremo a metterci tutto il nostro impegno", ha detto Francesco Pigliaru, concludendo con un riferimento al REIS, la cui attivazione è strettamente legata proprio alla riforma dei Centri. "Lo finanziamo con circa 50 milioni per aiutare chi ha difficoltà di reddito importanti per la famiglia e per sé", ha detto il presidente Pigliaru - ma per funzionare non deve essere semplice assistenzialismo ma strumento di crescita, un mezzo per migliorare le proprie competenze e aumentare le probabilità di trovare lavoro. Il ruolo dei Centri per l'impiego è fondamentale anche per raggiungere questo obiettivo."

L'approfondimento sul tema ha riguardato in modo speciale gli anni 2016 - 2017, biennio che ha visto andare a pieno regime il nuovo sistema regionale dei servizi per l'impiego: 28 centri in tutta l'Isola, 12 ulteriori sportelli decentrati, servizi dedicati nelle carceri, con l'operatività di personale altamente qualificato per affrontare le nuove sfide delle politiche attive per il lavoro. Inserite, tra le altre, nell'organico dell'Aspal nuove figure professionali: psicologi orientatori, mediatori culturali. Un particolare rilievo assume la figura del job account, che si reca dagli imprenditori per informarli su tutte le misure loro dedicate dalla Giunta.


AUMENTANO LE ASSUNZIONI I dati amministrativi dell'Osservatorio Inps sul precariato delineano un trend positivo per la Sardegna. Tra il 2016 e il 2017 si registra nell'Isola una variazione nel numero delle assunzioni pari a +26,13%, con un +3,31% dei contratti a tempo indeterminato (in Italia i dati si attestano rispettivamente a +22,40% e -2,77%). Particolarmente positivi i dati sul lavoro femminile: tra il 2016 e il 2017 le assunzioni aumentano del 30,99%. Quelle a tempo indeterminato si attestano a +10,86%. In Italia il numero complessivo delle assunzioni di donne cresce del 24,54%, mentre i contratti a tempo indeterminato scendono di ben 4,53 punti.

LA FLESSIONE DELLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE Tra il 2016 e il 2017, in base alle banche dati Eurostat e Istat, si registra una flessione sensibile riguardo al tasso di disoccupazione giovanile (relativo ai ragazzi di età compresa tra i 15 e i 24 anni) con -9,5 punti percentuali dal 2016 al 2017: mentre nel 2016 il dato era pari al 56,3% di giovani disoccupati, nel 2017 il tasso di disoccupazione giovanile scende al 46,8%. Per la componente maschile l'indicatore si attesta al 54,8% nel 2016  e al 43,4% nel 2017 (-11,4%); per la componente femminile risulta una flessione più contenuta (-5,3%): si passa dal 58,6% nel 2016 al 53,3% nel 2017.

"Attraverso la lettura dei dati amministrativi e di quelli statistici ", ha commentato l'assessora del Lavoro, Virginia Mura, "siamo in grado di scorgere  gli importanti traguardi conseguiti dalla Giunta nel campo delle politiche attive per il lavoro, specie per l'occupazione femminile, che in Sardegna fa un balzo in avanti rispetto alla dimensione nazionale. Ricordo – ha proseguito Mura – che il 2014 è l'anno in cui i centri per l'impegno, ancora strutturati a livello provinciale, hanno cominciato a sperimentare il programma europeo Garanzia Giovani. I dati che avevano destato preoccupazioni, come l'exploit della disoccupazione giovanile tra il 2014 e il 2015, sono in realtà segnali non negativi, ricollegati alla capacità degli allora Csl di attrarre i giovani NEET, che si presentavano ai centri per partecipare a Garanzia Giovani. Gli stessi venivano poi presi in carico, svolgevano un'esperienza di tirocinio, venivano orientati verso nuovi percorsi di istruzione e formazione professionale, eccetera. Con la legge regionale del 2016 di riforma dei servizi per l'impiego – ha concluso la titolare del Lavoro - l'esperienza acquisita con Garanzia Giovani, buona prassi europea, è stata estesa, con miglioramenti, a tutti i disoccupati che si iscrivono ai centri per l'impiego".

Nel Centro per l'impiego di Nuoro circa 10mila disoccupati hanno sottoscritto il Patto di servizio personalizzato, necessario per la Naspi e per partecipare ad attività di politiche attive. Dall'inizio dell'anno sono stati oltre 12mila i colloqui effettuati dagli operatori Aspal.

"Voglio ringraziare tutti gli attori che hanno reso possibile di inaugurare oggi il Centro per l'impiego di Nuoro presso la vecchia caserma dei Vigili del fuoco", ha detto il sindaco di Nuoro, Andrea Soddu. "Con il presidente della Provincia Costantino Tidu e il direttore generale dell'Aspal, Massimo Temussi abbiamo deciso che questa struttura si poteva aprire e poteva diventare uno spazio per dare ai nostri cittadini una speranza in più. Perché è questo che i Centri per l'impiego e Aspal fanno: grazie a queste strutture, il disoccupato di oggi ha più strumenti per potersi costruire una vita lavorativa e una sua dignità. Una realtà resa possibile grazie all'impegno di questa Giunta regionale e in particolare alla sensibilità mostrata dall'assessore regionale al Lavoro, Virginia Mura e dal presidente, Francesco Pigliaru verso queste tematiche. Ai giovani e ai meno giovani vorrei infine mandare un messaggio di speranza e di impegno, perché se è vero che oggi siamo più fortunati di ieri, dobbiamo comunque impegnarci al massimo ogni giorno per conquistarci il nostro futuro, la nostra professionalità. La pubblica amministrazione ci dà certo una mano, ma siamo noi ad avere il dovere, prima di tutto verso noi stessi, ad emanciparci", ha concluso Soddu.

 "Questo nuovo ufficio racchiude il concetto base del progetto dell'Agenzia, ovvero non pensare più al lavoro in termini astratti ma inserirlo invece  in una logica circolare che comprenda le imprese e favorisca l'integrazione", ha commentato il direttore generale dell'Aspal, Massimo Temussi. "Siamo l'unica Agenzia d'Italia che ha all'interno mediatori culturali perché la perdita del lavoro va vista come un problema sociale e promuoveremo in ogni centro iniziative di innovazione per animare il territorio. Nuove funzioni per rendere i centri davvero polifunzionali per arrivare all'obiettivo di potenziare la forza lavoro della Sardegna. Siamo sulla strada giusta: in un solo anno di attività dell'Agenzia la disoccupazione giovanile è diminuita di 9.6 punti percentuali. Dati straordinari che permettono di dire che la motivazione c'è tutta per arrivare a fare ancora di più".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it