Economia e Lavoro

A Cagliari i lavori preparatori per rilanciare i Centri di educazione all'ambiente e alla sostenibilità

“La Sardegna è regione leader sulla sostenibilità ambientale”, le parole dell'assessore Spano.



A Cagliari la Conferenza Nazionale per rilanciare l'intera rete dei Ceas, i Centri di educazione all'ambiente e alla sostenibilità.

Proprio i Ceas sardi e di tutte le regioni sono protagonisti di questa due giorni finalizzata alla definizione di un nuovo Piano di azione che avrà bisogno di risorse. La nostra Regione, insieme alle altre, chiede allo Stato che la rete venga finanziata".
Lo ha detto l'assessora della Difesa dell'ambiente Donatella Spano che ha aperto i lavori dell'iniziativa Ninfeas alla presenza di Antonella Rizzo, assessora della Regione Calabria. Alla giornata, con 300 partecipanti, tra cui soprattutto educatori ambientali provenienti da tutte le regioni italiane, Donatella Spano ha sottolineato l'importanza dello scambio di esperienze: "Confronti di questa portata ci permettono di valorizzare tutti gli investimenti che la Sardegna ha fatto in questi anni in cui abbiamo certificato e accreditato la maggior parte dei nostri Ceas mentre gli altri, già tutti con i requisiti, lavorano in quella direzione. La Regione sta continuando a finanziare i progetti di sostenibilità, lavorando in stretta sinergia con i territori". Infine è stata notata l'assenza dei delegati del ministero dell'Ambiente. "C'è necessità nello scambio di buone pratiche anche di una progettazione comune e coordinata a livello complessivo, con la partecipazione delle Amministrazioni nazionali. Vogliamo che la manifestazione diventi la prima edizione di un appuntamento annuale e chiediamo la presenza anche del ministero dell'Ambiente".


L'apertura dei tavoli tematici parte dall'analisi dallo stato attuale dei sistemi IN.F.E.A (INFormazione Educazione Ambientale) per delinearne i futuri scenari.
L'iniziativa INFEAS, che viene realizzata a basso impatto ambientale con l'utilizzo di materiali compostabili, riciclabili e riutilizzabili e la somministrazione di alimenti locali a chilometro zero e biologici, promuove la costruzione di connessioni e reti tra soggetti, esperienze e approcci diversi per valorizzare la diversità creativa, facilitare gli scambi, la diffusione di buone pratiche e la progettazione comune.
La conferenza lavorerà infatti su cinque tavoli per affrontare il rapporto Stato-Regioni per il modello del sistema Infea nazionale, il modello funzionale e organizzativo dei Sistemi Infea. regionali, la sostenibilità economica dei Sistemi Infea regionali, le figure degli educatori ambientali alla sostenibilità e altre figure professionali e, infine, il ruolo dei sistemi Infea regionali nei processi partecipativi per l'educazione, la cultura e l'economia della sostenibilità. All'evento parteciperanno le diverse reti coinvolte sia a livello internazionale che nazionale e regionale come la rete Weec (World Environmental Education Congress), le Arpas, gli Enti locali, Enti e gli organismi intermedi, gli Enti di gestione delle Aree naturali protette, i Ceas, le Università, l'Ufficio scolastico regionale e associazioni ambientali e culturali. Durante tutta la manifestazione sarà visitabile un'area espositiva e scambio di buone pratiche dei sistemi Infeas nazionale e regionali.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it