Economia e Lavoro

I Culurgionis d'Ogliastra diventano IGP

L'annuncio è stato dato alla conferenza stampa di presentazione della seconda edizione del Festival "Culurgionis d'Ogliastra IGP" in programma a Lanusei sabato 1 e domenica 2 dicembre.

 



E' finalmente arrivata l'autorizzazione a marchiare i Culurgionis d'Ogliastra. La comunicazione ufficiale della società di certificazione che per conto del Ministero ha seguito l'iter per il riconoscimento del marchio di Identificazione geograficamente protetta è la buona notizia che accompagnerà la seconda edizione del Festival "Culurgionis d'Ogliastra IGP" in programma a Lanusei sabato 1 e domenica 2 dicembre pv. "Questo logo consentirà di comunicare al mondo intero che c'è una zona in Europa, in Italia, in Sardegna, di cui prima forse non tutti conoscevano l'esistenza, dove si produce una pasta fresca ripiena unica al mondo” – hanno spiegato i rappresentanti del Comitato promotore-.


La denominazione Culurgionis d'Ogliastra Igp era stata registrata nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea il 29 settembre 2016 dopo oltre un decennio di lavoro e un iter istruttorio lunghissimo che ha superato le valutazioni provenienti dal territorio, dalla Regione Autonoma della Sardegna, dal Ministero delle Politiche Agricole e in ultima battuta dall'Unione Europea, passando al vaglio di enti, professionisti, esperti, cultori della materia. 

   
L'evento di Lanusei - finalizzato a promuovere un marchio che rappresenta l'Ogliastra e la Sardegna - servirà a fare il punto su un comparto strategico per l'economia sarda che avrà importanti ricadute dal marchio Igp, logo di cui potranno fregiarsi non soltanto i laboratori di pasta fresca dell'areale di produzione, ma anche i ristoranti, le aziende agrituristiche, il comparto turistico e quello primario.
Molto però c'è ancora da fare perché la Sardegna è ancora la Cenerentola d'Italia per numero di denominazioni: solo 8 tra Dop e Igp contro le 42 dell'Emilia Romagna, le 36 del Veneto, le 33 della Lombardia. Un dato che fa sorgere spontaneamente la domanda: le altre regioni hanno veramente un patrimonio gastronomico superiore al nostro o forse sono solo più capaci di noi nel valorizzarlo? L'esperienza su questo ed altri prodotti, non ultime le Seadas, il Pistoccu e il Pane Carasau evidenzia infatti la atavica difficoltà dei produttori sardi di fare rete e mettersi insieme.
La produzione di Culurgionis in Ogliastra. Ogni anno in Ogliastra si producono 7.200 quintali di Culurgionis (600 quintali al mese circa) per un fatturato di circa 4 milioni e mezzo/5 milioni. Complessivamente in Sardegna si importa la pasta secca e si produce soprattutto la pasta fresca. Mediamente i sardi consumano circa 22 chili di pasta all'anno contro una media di 23,50 del resto d'Italia dove complessivamente vengono prodotte oltre tre tonnellate di pasta ogni anno per un volume d'affari di 4.735 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it