Economia e Lavoro

Cagliari. Ministro Trenta e il Primo ministro maltese alla presentazione del progetto BAT

Incontro istituzionale all'aeroporto di Cagliari



Il primo ministro della Repubblica di Malta, Joseph Muscat ha tenuto oggi a battesimo all'aeroporto "Mario Mameli" di Cagliari-Elmas, con il presidente della Regione Francesco Pigliaru, l'assessore della Programmazione Raffaele Paci e il ministro della Difesa Elisabetta Trenta  il progetto "BAT: Sistema innovativo di navigazione aerea basato su sistema inerziale", con un investimento totale di 8 milioni e 200 mila euro cofinanziato dalla Regione con 1 milione e dal Ministero dello Sviluppo Economico con 2,8 milioni, che proietta la Sardegna al centro del panorama internazionale della ricerca aerospaziale di eccellenza.

La società maltese Wes Trade, con le italiane Gem Elettronica e Lion Consulting, il colosso europeo Airbus di concerto con il Distretto AeroSpaziale della Sardegna (DASS), sono infatti pronte ad avviare l'attività di ricerca per perfezionare un sistema di rilevazione satellitare e navigazione aerea in grado di funzionare anche senza il segnale Gps, con sensori montati sugli aerei di cui devono stimare posizione e velocità sfruttando la rotazione dell'asse terrestre, con nuove tecniche che rendano più sicura e precisa l'attività di volo.

Ma questa è solo la prima fase di quella che può diventare una partita molto più grande e importante per l'Isola: se la ricerca andrà a buon fine e i rilevatori di nuova generazione verranno messi sul mercato, sarà proprio la Sardegna a ospitare l'azienda produttrice, con tutto quello che significa in termini di ricadute economiche e nuovi posti di lavoro.

Consente di riconoscere la posizione di un oggetto in qualunque punto e in ogni momento sfruttando l'asse di rotazione della Terra, al contrario del notissimo Gps, che opera solo se è garantita la copertura da parte del satellite. Il sistema inerziale ha anche un'altra caratteristica: indica la posizione dell'oggetto cercato con precisione millimetrica. Insomma: ha una grande utilità e infatti viene già utilizzato sulle navi e per applicazioni terrestri. In ambito aeronautico, molti costruttori di sistemi di navigazione sono continuamente alla ricerca di sistemi alternativi per sopperire alla mancanza temporanea del segnale radio proveniente dai satelliti o a causa della orografia del terreno particolarmente limitante (barriere naturali, montagne, palazzi alti). Tutti ostacoli che saranno superati se la ricerca che si farà in Sardegna andrà a buon fine. Il progetto, che prevede l'impiego di risorse altamente qualificate del settore aerospaziale sardo, si articola in 7 fasi: progettazione del sistema integrato complesso; realizzazione meccanica del sistema integrato; programmazione del software di controllo; realizzazione di una infrastruttura di test presso l'aeroporto scelto; esecuzione delle prove e sperimentazione attraverso test; registrazione e analisi dei risultati; sintesi dei risultati e contributo all'innovazione ottenuto. Garantirà infrastrutture - che rimarranno in eredità alla Regione per successive attività di test e sperimentazione -, occupazione e nuova tecnologia, soprattutto nella fase di industrializzazione del prodotto.

AEROSPAZIO, LA SFIDA VINTA DALLA REGIONE- "Abbiamo sostenuto questo settore dal primo momento inserendolo nella nostra S3, la strategia di specializzazione intelligente, e questa è stata la svolta per dare impulso al settore, insieme ai 10 milioni che abbiamo destinato ai bandi per incentivare gli investimenti delle imprese del settore", ricorda Paci. "I risultati che sono già arrivati, il ruolo strategico del Radiotelescopio di San Basilio con i riconoscimenti da parte della Nasa, gli investimenti di Avio nel Sarrabus, lo stesso progetto BAT dimostrano che la strada è quella giusta. La Sardegna, come è stato più volte riconosciuto durante il dibattito, è ormai un punto di riferimento mondiale anche grazie al prezioso lavoro svolto dal DASS: abbiamo professionalità importanti, condizioni ideali per ospitare strutture di ricerca, forti competenze nell'alta tecnologia e nel digitale. In pochi anni l'aerospazio per la Sardegna si è trasformato da valida potenzialità a solida realtà, e di questo siamo molto orgogliosi, perché questo può garantire un'opportunità in più alla nostra terra, alla sua economia e occupazione".

Ultimo aggiornamento: