Italia

Noemi, il 17enne: "L'ho uccisa con un coltello"

Nuovo capitolo sull'omicidio di Noemi Durini, la ragazza 16enne di Specchia che sarebbe stata uccisa dal fidanzatino un anno più grande.



LECCE - Sarebbe avvenuto sul luogo del ritrovamento del cadavere, secondo gli investigatori, l'omicidio della 16enne Noemi Durini, di Specchia, in provincia di Lecce, avvenuto il 3 settembre scorso. Il giovane che si è autoaccusato del delitto, un 17enne della vicina Alessano, frazione Montesardo, fidanzato della vittima, è stato sottoposto a fermo nella notte, con decreto del pm della Procura dei minorenni (che probabilmente verrà annullato e convertito in ordinanza di custodia cautelare) al termine del lungo interrogatorio svoltosi alla presenza anche di uno psichiatra e del suo avvocato.

Il giovane avrebbe riferito di averla uccisa con un coltello subito dopo che è uscita di casa alle 5 del mattino. Gli inquirenti sono convinti, invece, che la ragazza è stata portata a Castrignano del capo, in località San Giuseppe, in un uliveto dove ieri all'ora di pranzo il giovane ha condotto i carabinieri. Sull'arma del delitto non c'è ancora certezza. Individuare le modalità con cui ha ucciso la giovane non è semplice perché sono passati 10 giorni dalla scomparsa e il cadavere si presentava in avanzata fase di decomposizione.

Gli inquirenti hanno anche un video che dimostra il ritorno a casa della vettura condotta dal giovane, peraltro minorenne, intorno alle 6 del mattino. Quando è uscito dalla caserma di Specchia, al termine dell'interrogatorio, ad attendere il giovane c'era una folla inferocita. (Adnkronos) 

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it