Politica

Referendum, Piras(Sel): "Libertà di coscienza a elettori"

A sette giorni dal voto per i dieci referendum regionali i partiti sardi prendono posizione. Sel tra il "Sì" e il "No" preferisce non dare indicazioni di voto: "Libertà di coscienza agli elettori, auspicando che al più presto si possa aprire una ampia sessione di profonde Riforme della Regione e del suo rapporto con lo Stato nazionale".

CAGLIARI - "I temi della Riforma della politica meriterebbero un approfondimento ben più serio di quanto non sia possibile fare con una campagna di propaganda. Rispettando questa pluralità di visioni SEL lascerà libera la coscienza dei suoi elettori, auspicando che al più presto si possa aprire una ampia sessione di profonde Riforme della Regione e del suo rapporto con lo Stato nazionale". Queste le parole del coordinatore regionale del partito, Michele Piras, affidate a un comunicato stampa. Ma Piras poi dichiara che 'personalmente' si recherà a votare, nello specifico contro l'abolizione delle province: "Io voterò NO all'abolizione delle province perchè non penso che una Regione come la Sardegna possa essere governata senza enti intermedi di rappresentanza delle specificità territoriali, pensando tuttavia che si renda necessario un ripensamento profondo dell'attuale situazione". Inoltre "Voterò NO alla riduzione a 50 del numero dei consiglieri regionali perche' ritengo sufficiente ed equilibrata la riduzione a 60 gia' adottata dal Consiglio regionale e che prosegue il suo iter nel Parlamento nazionale". Stesso voto per l'elezione diretta del presidente della Regione: "penso che il presidenzialismo sia uno dei punti di origine di tanti dei mali della politica contemporanea". Infine tre sì: "per l'Assemblea costituente perche' credo in una ampia partecipazione popolare alle scelte per il futuro dell'Isola e che le Riforme si debbano fare con la piena legittimazione del popolo che si rappresenta; per la cancellazione dei consigli d'amministrazione degli enti; per la riduzione delle indennità di rappresentanza, prevalentemente perche' penso che in tempi di crisi si debba dare un segnale ai sardi".
Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it