Politica
mercoledė, 19 giugno 2013

Legge elettorale, non c'č l'accordo sulla preferenza di genere: ennesimo rinvio

Non c'č l'accordo politico sulla legge elettorale e soprattutto sulla doppia preferenza di genere, cosė ancora una vola il Consiglio regionale decide di non decidere e rinvia la discussione. Ora l'esame della legge in commissione

CAGLIARI - Ennesimo rinvio per la legge elettorale che esce dall'aula del Consiglio regionale per tornare in commissione. Ancora nessun accordo: "Prendiamo atto, con il rinvio in commissione della Legge elettorale, che questa legislatura guidata da Cappellacci non è in grado di dare corso alla nuova norma costituzionale per l'elezione del Consiglio regionale". Questo il commento dei consiglieri regionali di Sel: "L'ostacolo rimane per alcune forze politiche la parità di genere. Mentre si sarebbero trovate ampie convergenze sulla tutela delle rappresentanze territoriali e politiche".

"Siamo stati facili profeti, anziché affrontare con decisione il tema delle province il Consiglio regionale ha preferito impantanarsi in un estenuante e improduttivo dibattito sulla legge elettorale, e non riesce ad uscirne. Il ritorno in commissione è una dimostrazione di impotenza, di un tutti contro tutti che blocca ogni ipotesi di riforma". Lo dice il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa.

"Adesso - dice ancora Cossa - ci aspettiamo che la legge elettorale venga accantonata fino all’approvazione del provvedimento sulle Province. Basta fare melina: le forze politiche, se hanno un briciolo di coscienza, non posso continuare a litigare sul nulla mentre i sardi ancora attendono, a oltre un anno dai referendum, che la decisione popolare venga tramutata in legge". 

Il Coordinamento per la Democrazia Paritaria e Partecipata invece esprime forte preoccupazione per il protrarsi dei tempi per la discussione della nuova Legge Elettorale: "In particolare - scrivono-, con il ricorso in Consiglio Regionale al voto segreto, si paventa il rischio di insabbiamento del Principio della Doppia Preferenza di genere, principio acquisito con legge dello Stato per i Comuni. Tale richiesta è sostenuta da un ampio schieramento di donne di ogni orientamento politico e istituzionale, nonché da prestigiose personalità del mondo della cultura, dell'economia e della società civile".
 
 

 

Ultimo aggiornamento: 19-06-2013 08:17
Altre notizie

    
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it