Politica

Zona franca doganale, dalla Regione arrivano i fondi. Massidda: "Meglio tardi che mai"

La Giunta destina 1,1 milioni di euro per le infrastrutture del porto di Cagliari e 1,8 milioni per il miglioramento dei livelli di servizio dell'agglomerato industriale di Elmas. Plauso dal presidente di Cagliari Free Zone.



CAGLIARI - L'assessore regionale dell'Industria Maria Grazia Piras ricorda che, con il Decreto del Presidente del Consiglio del 7 giugno 2001, sono state emanate le disposizioni per l'operatività della zona franca cagliaritana relative in particolare all'autorizzazione di qualsiasi attività di natura industriale, commerciale e di prestazione di servizi, e all'individuazione del soggetto gestore ora "Cagliari Free Zone". Alla Regione il compito di determinare gli indirizzi generali. I denari messi a correre grazie alla delibera approvata su proposta dell'assessore regionale dei Trasporti, Massimo Deiana, d'intesa con l'assessore della Programmazione Raffaele Paci e con la titolare dell'Industria.

Il provvedimento autorizza l'utilizzo delle risorse per la perimetrazione della free zone del capoluogo e per il complessivo rilancio della zona industriale masese. "Si tratta dei primi fondi per la realizzazione del Piano operativo della Zona franca cagliaritana", dice l'assessore Deiana, "specificamente per la delimitazione dell'area, nella parte posteriore del piazzale di banchina del Molo di Levante del Porto canale". Il progetto, così come indicato nella delibera dell'assessore dell'Industria del 30 giugno scorso, prevede che il lotto di circa 6 ettari all'interno delle proprietà consortili del Cacip sia recintato sui quattro lati e che vi si possa accedere attraverso due varchi, uno sul lato nord e l'altro sul lato sud.

MASSIDDA: "FINALMENTE" - "La Giunta regionale ha finanziato la Zona franca doganale del porto di Cagliari. Un grazie di cuore al presidente Pigliaru. Meglio tardi che mai". Così l'attuale numero uno di Cagliari Free Zone, Piergiorgio Massidda, nel commentare lo sblocco dei fondi. Lo stesso Massidda, lo scorso giugno, aveva spiegato che "la posta in gioco è altissima, forse irripetibile. La Zona franca dovrà coinvolgere quanti più attori istituzionali possibili, aprire a capitali privati e alle più importanti professionalità".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it