Politica

La Sardegna chiederÓ lo stato di emergenza per i danni causati dal maltempo

La Sardegna chiederÓ lo stato di emergenza alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per fronteggiare i danni, stimati per oltre 52 milioni di euro, causati dalle piogge del 30 settembre e del 10 ottobre di quest'anno nelle province di Olbia-Tempio, Nuoro e Ogliastra.



CAGLIARI - Lo ha deciso oggi la Giunta su proposta dell'Assessore della Difesa dell'Ambiente con delega alla Protezione civile Donatella Spano. "Stiamo intervenendo affinchè con la dichiarazione dello stato di emergenza si provveda allo stanziamento delle risorse per l'attuazione dei primi interventi urgenti stimate in 6 milioni e 500mila euro. Inoltre, per il ripristino dei danni al patrimonio pubblico, compresi interventi strutturali di riduzione del rischio residuo, sono necessari oltre 45 milioni", ha affermato l'esponente dell'Esecutivo, esprimendo la volontà di aumentare l'efficienza della risposta all'emergenza: "Vogliamo migliorare il Sistema di Protezione civile regionale, a partire dalla rete idrotermopluviometrica e dal radar meteorologico".

I DANNI. La richiesta dello stato di emergenza prevede poteri straordinari in deroga alla vigente normativa per agire tempestivamente. Le intense precipitazioni del 30 settembre, dell'1 e 2 ottobre e dei successivi 9 e 10 ottobre (di minore entità ma su un territorio già compromesso) hanno infatti determinato una serie di allagamenti e smottamenti a carico della viabilità, degli edifici e delle infrastrutture soprattutto nelle zone costiere della Gallura nord orientale, della Baronia e dell'Ogliastra e causato ingenti danni al patrimonio pubblico di 20 Comuni e di altri soggetti pubblici. Quasi 500 mila euro la stima per soccorso e assistenza alla popolazione (servizi alla persona e alla comunità e servizi straordinari di conferimento rifiuti). Superano invece i 2 milioni e 300mila euro gli interventi stimati per la viabilità. Circa la stessa somma per i canali tombati e la rete di smaltimento acque meteoriche in centro abitato, a cui vanno aggiunti 740 mila euro per interventi nei corsi d'acqua naturali. Quasi 240 mila euro è l'importo per infrastrutture e impianti del sistema idrico integrato. La cifra necessaria per infrastrutture urbane ed edifici pubblici oltrepassa i 200 mila euro ed è di quasi 280 mila euro quella per gli interventi di rimozione e smaltimento materiali e detriti. Infine, per la sistemazione idraulica e le canalizzazioni artificiali servono altri 100 mila euro.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it