Politica

Povertà e istruzione a Carbonia, a disposizione pioggia di milioni. Tari più leggera

Oltre 8 milioni di euro destinati alle Politiche sociali e alla Scuola, queste le voci più corpose del bilancio presentato dal sindaco Giuseppe Casti. Oltre un milione per riqualificare le principali strade della città.



CARBONIA - Dopo quattro anni di diminuzione dei trasferimenti da parte del Governo, "per la prima volta non sono previsti tagli". Per quanto riguarda i vincoli sulle spese per gli investimenti imposti dal Patto di stabilità, che già nel 2015 erano stati alleggeriti, nel 2016 si va verso il loro superamento. Questa situazione permette al Comune, nonostante le difficoltà ancora esistenti, "di lavorare con un po' più di tranquillità e permette di presentare in Consiglio Comunale il Bilancio di previsione in tempo per essere approvato entro il 31 dicembre 2015, in modo da poter iniziare a utilizzare i fondi a partire dal 1 gennaio 2016".

Nel 2016 non solo non c'è alcun aumento delle tariffe e delle imposte, viceversa, proseguendo nella linea già tracciata nel 2015, si continuerà nella loro riduzione. Le tariffe di alcuni importanti servizi, come ad esempio l'asilo nido o il servizio mensa scolastica, vengono ridotte di un ulteriore 10 per cento, che si somma alla riduzione del 10 per cento già applicata nel 2015. "Questo vuol dire che in due anni le tariffe di questi due servizi sono state ridotte del 20 per cento". Per quando riguarda la Tari, "grazie al nuovo Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti, quest'anno si avrà una riduzione di un ulteriore 8-10 per cento circa, che si aggiunge alla riduzione del 17,50 per cento del 2015, per una diminuzione complessiva che si attesta intorno al 25 per cento in due anni". Altre riduzioni riguarderanno le strutture sportive e i luoghi dedicati alla cultura. Vi sarà, infatti, una diminuzione dei costi di concessione in utilizzo delle strutture sportive (campi da calcio, palazzetti,) e dei centri culturali (teatri). Un discorso a parte merita la lotta all'evasione fiscale che il Comune sta, da diversi anni, portando avanti. Sono in corso verifiche sul pagamento dell'Imu degli anni 2012, 2013 e 2014 e della Tares del 2013. Le Politiche sociali complessivamente valgono oltre 8 milioni di euro (di cui circa 1,8 milioni di fondi comunali), ovvero circa un terzo del bilancio comunale complessivo, che si attesta intorno ai 30 milioni di euro.

Un altro asse portante della proposta di bilancio riguarda gli investimenti. Già nel 2015 il Comune grazie all'alleggerimento del patto di stabilità è riuscito a dare avvio a numerosi interventi, che hanno riguardato tanti settori (piazze, strade e marciapiedi, scuole, strutture sportive, illuminazione pubblica e tanto altro ancora). Il 2016 vedrà la realizzazione di diversi nuovi progetti e la prosecuzione di quelli in corso. Tra i nuovi lavori in programma si ricordano: intervento su strade e marciapiedi per ulteriori 750.000 euro circa, intervento sul cimitero per 100mila euro e la riqualificazione di via Manno per 500mila euro. A questi lavori si aggiungono i nuovi interventi nelle scuole per 600mila euro e nelle strutture sportive. Giuseppe Casti sottolinea che "vi sono anche le risorse per risolvere la questione riguardante Carbonia 2, che dopo tanti anni potrà finalmente essere definità, così come precedentemente fatto per le aree di Medadeddu e Flumentepido".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it