Politica

No alle trivelle in Sardegna. Via libera al referendum

C'è anche l'Isola tra le dieci regioni promotrici dell'abrogazione di alcune parti dell'articolo 38 dello Sblocca Italia e del 35 del decreto Sviluppo. Dalla Regione: "Un risultato fondamentale".



CAGLIARI - "È con grande soddisfazione che prendo atto dell'accoglimento dei quesiti referendari anti trivelle". Così il presidente del Consiglio regionale della Sardegna, Gianfranco Ganau commenta la notizia dell'accoglimento da parte della Corte di Cassazione dei sei quesiti del referendum abrogativo anti trivelle, iniziativa portata avanti dalle dieci regioni promotrici (Basilicata, Marche, Puglia, Sardegna, Abruzzo, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise) per abrogare alcune parti dell'articolo 38 dello Sblocca Italia e dell'articolo 35 del decreto Sviluppo .

"Un risultato importante", aggiunge il presidente dell'Assemblea sarda,  "tappa fondamentale dell'iniziativa referendaria portata avanti dai dieci consigli regionali e dal coordinamento delle Assemblee legislative".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it