Politica

Movida e regole assenti. A Oristano Ŕ guerra ai decibel di troppo

Il Comune pronto a dotarsi di un Piano di classificazione acustica da allegare al Puc. Numerosi consiglieri hanno sottolineato il fioccare delle lamentele da parte dei cittadini, soprattutto d'estate.



ORISTANO - Lo ha deciso il Consiglio comunale approvando all’unanimità una mozione urgente dei consiglieri di minoranza Massimiliano Sanna, Mauro Solinas, Antonio Falconi e Andrea Lutzu che chiedeva un regolamento inquinamento sull’acustico con un piano di zonizzazione. L’argomento è stato presentato in aula da Massimiliano Sanna (API/FLI) che ha spiegato che le finalità del regolamento sono la tutela dell'ambiente esterno ed abitativo comunale dall'inquinamento acustico, stabilendo norme per l'attuazione della legislazione nazionale e regionale secondo quanto attribuito alle competenze comunali in materia di tutela dall'inquinamento acustico e del suo controllo.

Nel corso del dibattito numerosi consiglieri comunali hanno sottolineato come, soprattutto nel periodo estivo, siano numerose le segnalazioni alla polizia locale dei rumori derivanti dalle attività dei pubblici esercizi. L’azione della Polizia locale risulterebbe difficile a causa della mancanza di uno strumento adeguato quale un regolamento acustico. La mozione impegna il sindaco e la Giunta ad adoperarsi per far rispettare le disposizioni previste dalla legge quadro e dalle disposizioni regionali sull'inquinamento acustico, assegnando all'ufficio competente il compito di predisporre il Piano di classificazione acustica “dotando così l'amministrazione comunale di uno strumento indispensabile per regolare e disciplinare questo delicato-problema, principalmente a tutela della salute dei cittadini che chiedono attenzione e rispetto della quiete privata e pubblica”. Il sindaco Guido Tendas e l’Assessore all’Urbanistica Gianluca Mugheddu si sono impegnati a risolvere il problema al più presto affidando un incarico per la redazione del piano.

Ultimo aggiornamento: