Politica

Atenei sardi svantaggiati, vertice al Ministero. Pressing della Regione per avere più fondi

Fondi alle Università, la Sardegna svantaggiata rispetto alle altre Regioni. Al Ministero dell'Istruzione un vertice per chiedere il riconoscimento dell'insularità come condizione di svantaggio.



CAGLIARI - Il presidente della Regione Francesco Pigliaru e l'assessore della Pubblica Istruzione Claudia Firino hanno incontrato nel primo pomeriggio di ieri a Roma la ministra dell'Istruzione, Università e Ricerca Stefania Giannini, assieme ai rettori delle Università di Cagliari, Maria del Zompo, e Sassari, Massimo Carpinelli.

In discussione, al Ministero di Viale Trastevere, le problematiche delle Università isolane legate all'utilizzo dei costi standard ai fini della determinazione del finanziamento statale. "Abbiamo sottolineato che c'è un caso specifico, in Sardegna, legato all'insularità e alla bassa densità di popolazione. L'attuale metodo di valutazione è tarato a livello nazionale e non tiene conto delle dimensioni del bacino di attrattività degli studenti che di fatto penalizza la Sardegna", ha dichiarato Pigliaru chiedendo alla Ministra la revisione dell'attuale disegno di sanzioni e premi. "La Ministra ha riconosciuto il caso specifico della Sardegna e si è impegnata a prevedere apposite modifiche perequative all'attuale sistema già per il 2016, mentre per gli anni successivi c'è l'impegno a riconoscere a livello strutturale la discriminante dell'insularità, legata alla bassa densità di popolazione tipica della Sardegna. Attendiamo nei prossimi giorni la proposta con la quantificazione della perequazione, che valuteremo con attenzione".

In ragione dell'insularità, della bassa densità di popolazione e dell'alto tasso di abbandono scolastico, infatti, la Sardegna ha un bacino di studenti universitari inferiore di circa il 50% rispetto a un ateneo del Nord Italia. Ciò significa che gli atenei sardi non giocano in condizioni di pari opportunità con gli altri, per ragioni che nulla hanno a che fare con le performance dell'Università.

"La Sardegna sta puntando sull'istruzione e sull'innalzamento del numero dei laureati, non si può permettere di perdere finanziamenti su un settore così sensibile e strategico. Non va bene prevedere un sistema univoco, in condizioni differenti: l'universitario regolare dovrebbe pesare maggiormente dove è più difficile attrarre studenti", ha dichiarato l'assessore Claudia Firino, che ha inoltre sottolineato l'importanza di avere certezze sui finanziamenti statali alle borse di studio attualmente in calo, imprescindibili per potenziare gli Atenei sardi. La titolare della Pubblica Istruzione ha concluso avanzando l'esigenza di prevedere modifiche ai parametri Isee e Ispe che incidono sull'efficacia delle misure del Diritto allo studio.

Il sistema dei parametri legati al "costo standard di formazione per studente in corso", come definito nel Decreto n. 893 del 2014, attualmente incide per il 25% nella definizione dell'assegnazione del fondo statale ordinario e ha già determinato una significativa diminuzione dei fondi per le Università sarde.

"Si è trattato di un incontro molto cordiale: siamo molto soddisfatti che sia stato preso l'impegno a considerare l'insularità e la densità di popolazione come fattori territoriali che danneggiano le Università sarde nel calcolo del Costo Standard Studente e, quindi, a rivalutare questi parametri per garantire un riequilibrio delle risorse assegnate ai nostri Atenei". Così il Rettore dell'Università di Cagliari, Maria Del Zompo, commenta l'esito dell'incontro.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it