Politica

Treni lenti e pochi aerei, FdI chiede le dimissioni dell'assessore ai Trasporti: "Sardi sequestrati nell'isola"

A Cagliari flash mob di Fratelli d'Italia per chiedere le dimissioni dell'assessore regionale ai Trasporti: “I sardi ostaggio di Deiana, sequestrati nella loro isola”.



CAGLIARI - “I cittadini sardi sono ostaggio dell’assessore ai Trasporti, Massimo Deiana, e della Giunta di professori. Restano sequestrati nella loro Isola”. Questa la denuncia di Fratelli d’Italia che ha dato vita a un Flash Mob di protesta davanti agli uffici dell’assessorato ai Trasporti in via XXIX Novembre. Durante la manifestazione è stato esposto uno striscione: “Noi non possiamo volare, vola via tu” e, sulle note di “Nel blu dipinto di blu” di Modugno, decine di palloncini hanno portato in volo un'immagine di Massimo Deiana.

“La continuità territoriale aerea e marittima non esiste più, i low cost abbandonano l’Isola e i disservizi sui treni, veloci o meno, se non fossero oggetto di indagini sarebbero da barzelletta”, ha presentato così il Flash Mob Salvatore Deidda, portavoce regionale di FdI. “Vogliamo denunciare proprio i limiti di visione strategica e i tanti errori compiuti da Deiana, nonché i danni al sistema turistico e occupazionale che in solo due anni il cattedratico assessore è riuscito a causare alla Sardegna”.

“Il sistema dei trasporti da e per la Sardegna non funziona, ci sentiamo ostaggi di politiche sbagliate, sequestrati nella nostra Isola. Siamo schiavi dell’incapacità e delle bugie della sinistra che, dalla Regione sino al governo Renzi, non si cura delle nostre esigenze”, ha ribadito Paolo Truzzu, Consigliere regionale di Fratelli d’Italia-An.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it