Politica

Aeroporto di Alghero al collasso. Sindaci e imprenditori contro la Regione: "Richiesta danni"

Stop a 14 rotte estive, punto interrogativo low cost e nulla da fare per la privatizzazione della Sogeaal. Dalla città catalana arriva un grido monocorde: "Pronti a chiedere risarcimenti".



ALGHERO (SS) - Pronti a chiede il risarcimento dei danni diretti derivanti dal crollo dei passeggeri sullo scalo di Alghero a causa del blocco ingiustificato di quattordici rotte estive e stop alla privatizzazione forzata della Sogeaal, in assenza di un piano regionale dei trasporti e di un piano industriale societario pubblico e condiviso. Sono le due forti linee d'intervento decise all'unanimità dal tavolo permanente di sindaci, mondo imprenditoriale, sindacale e dei lavoratori svolto ad Alghero. Richieste che si sommano a quella di un immediato riavvio degli incentivi al trasporto low cost, in linea con quanto sancito dalla normativa comunitaria.

"È compito di una Regione garantire lo sviluppo economico, si è perso fin troppo tempo, stiamo giocando con gli interessi del territorio, bisogna invece fare tutti fino in fondo la propria parte senza colori politici e tentennamenti", così il sindaco di Alghero, chiedendo all'assessorato regionale di prevedere un sistema di incentivi immediato "per evitare la chiusura della base Ryanair dal 1 novembre". Per la Uil, Cgil, Ugl Tasporti, Confagricoltura e Cia "bisogna rimettere con urgenza in marcia la macchina, ci sono regole certe e chiare che bisogna solo applicare con immediatezza". Invocano massima prudenza sulle procedure di privatizzazione sindacati e sistema delle imprese. Secondo Stefano Visconti (Federalberghi) "la partecipazione pubblica in quota di maggioranza ha salvato la Sogeaal in sede comunitaria, ragion per cui ogni decisione sull'ingresso di capitali privati, soprattutto in questa fase, va valutato con estrema attenzione". I vertici territoriali di Confindustria e Confartigianato, Roberto Chironi e Mario Piras, nel sottolineare la compattezza del movimento di sindaci, imprese e lavoratori precisano "come ci sia orami da salvare un pezzo importante di economia della Sardegna. Se non si è all'altezza del compito è bene lasciare".

Parla anche il sindaco di Sassari, Nicola Sanna: "Dalle poche informazioni che abbiamo e dalla lettura del comunicato stampa che è stato divulgato di recente sul pronunciamento dell'Unione europea sugli aiuti di Stato, emergono il fallimento della Legge 10, dall'altra lo scampato pericolo per la società di gestione dell'aeroporto di Alghero di doversi accollare la restituzione di somme già attribuite al vettore Ryanair. A questi punti", osserva Sanna, "si aggiunge la necessità di recuperare dai vettori low cost i contributi già erogati. La giunta regionale volti pagina, ora c'è una sola regola da applicare, quella degli aiuti compatibili con gli orientamenti del febbraio 2014".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it