Politica

Terremoto, protezione civile sarda pronta a partire per il Centro Italia

Via libera della Giunta regionale all'intervento di soccorso della Protezione civile nelle zone colpite dal sisma in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, nel caso arrivasse la richiesta dal Dipartimento nazionale.



"Il Sistema regionale della Protezione civile della Sardegna sta lavorando in stretta collaborazione con il Dipartimento nazionale che coordina tutte le attività di soccorso. Abbiamo mezzi e operatori qualificati pronti a intervenire su richiesta. Intanto i tecnici che sono già nelle Marche da domenica sera stanno facendo un grande lavoro assieme ai colleghi delle altre Regioni e colgo l'occasione per ringraziarli. Altri 11 colleghi tecnici sardi si stanno preparando a raggiungerli", ha detto l'assessore dell'Ambiente Donatella Spano che ha anche la delega alla Protezione civile. In partenza per i luoghi del terremoto ci sono 4 tecnici del Corpo forestale, 3 del Genio civile e 4 delle associazioni del volontariato di protezione civile.

Il coordinamento della colonna mobile di Protezione civile spetta alla direzione generale regionale, che è incaricata di attivarla se richiesto dal coordinamento nazionale, in base all'evolversi degli eventi connessi ai movimenti sismici e alle esigenze della complessiva azione di soccorso. La colonna è composta di diverse componenti: le organizzazioni di Volontariato di protezione civile, la Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale, l'agenzia Forestas e, infine, altri Uffici, Enti e Agenzie regionali che in relazione alle diverse tipologie di rischio integrano la colonna mobile e servizio sanitario del 118.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it