Politica

Renzi vede due volte Mattarella, dimissioni congelate per 4 giorni. Prima serve ok a manovra economica

Il premier dimissionario incontra il Capo dello Stato, colloquio di oltre un'ora. Prima riunione con il Cdm. È il bilancio a tenere banco: indispensabile l'ok al documento contabile.



ROMA - Il premier dimissionario Matteo Renzi visita per ben due volte nel giro di poche ore il Quirinale, dopo altrettante riunioni con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella. Le dimissioni continuano a tenere banco, ma non sono immediate. Prima serve l'ok alla Finanziaria, previsto venerdì prossimo. È certo che Renzi, al di là di quegli "impegni e scadenze di cui le istituzioni dovranno assicurare in ogni caso il rispetto, garantendo risposte all'altezza dei problemi del momento", come si legge in una nota diramata dal Colle, ha rassegnato le sue dimissioni.

Le dimissioni finiscono in freezer fino all'approvazione definitiva della Finanziaria, proprio come quattro anni fa, con l'allora premier Mario Monti. Prima, tra 48 ore, direzione nazionale del Pd, convocata dallo stesso Renzi: un'occasione, quasi certamente, nella quale sono pronti a volare molti stracci. Nel frattempo, le opposizioni stanno a guardare. La minoranza del Pd si addossa parte dei meriti della vittoria del "No" al referendum costituzionale, Lega Nord e M5S premono per nuove elezioni in tempi brevissimi, Forza Italia attende alla finestra una possibile prima mossa dei democrat.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it