Politica

Sanità, è scontro sulla nascita dell'Ats. La maggioranza: "Sfida epocale". L'opposizione: "Specchio del nulla"

La Regione taglia il nastro dell'Azienda per la tutela della salute, ridisegnato il quadro del sistema sanitario sardo. Ma volano già scambi di accuse tra centrosinistra e centrodestra.



SASSARI - È nata ufficialmente l'Azienda per la tutela della salute che ha incorporato e fuso le otto aziende sanitarie locali. Insieme all'Azienda ospedaliera Brotzu, alle Aziende ospedaliero-universitarie di Cagliari e Sassari e all'Areus (Azienda regionale per l'emergenza-urgenza), l'Ats completa il nuovo quadro del sistema sanitario sardo.

SFIDA EPOCALE - "L'Ats rappresenta una sfida epocale", dice l'assessore regionale della Sanità, Luigi Arru, a Sassari per la presentazione ufficiale insieme ai vertici i della nuova azienda unica, Fulvio Moirano, Francesco Enrichens, Stefano Lorusso, e agli otto direttori delle aree socio sanitarie locali (Giuseppe Pintor, Pierpaolo Pani, Andrea Marras, Pino Frau, Mariano Meloni, Antonio Onnis, Maddalena Giua, Paolo Tecleme). "Stiamo ridisegnando il sistema tenendo come riferimento l'interesse delle persone – ha detto Arru – e senza annunci. L'Azienda unica rappresenta principalmente uniformità dell'assistenza, qualità dei servizi ovunque e a parità di costi". Arru ha ringraziato i commissari che per due anni hanno lavorato "in una situazione difficile, riuscendo a portare a casa risultati importanti. I direttori delle Assl non sono direttori generali – ha precisato – e sono stati scelti dal dg Moirano con una selezione pubblica e trasparente".

RIFORMATORI: "SPECCHO DEL NULLA" - "L'insediamento ufficiale dell’Azienda per la tutela della salute non è stato altro che l’occasione per fare il punto sulle tante occasioni perse in questa legislatura, mentre la sanità continua a mangiarsi più della metà del bilancio regionale per foraggiare le clientele dei partiti e il servizio offerto ai cittadini è sempre più penalizzato da inefficienze e disuguaglianze”, dichiara il capogruppo dei Riformatori Sardi – Liberaldemocratici in Consiglio regionale, Attilio Dedoni, commentando la presentazione dell’azienda che dall'1 gennaio 2017 prende il posto delle vecchie Asl. "Proprio l’Ats, che è stata presentata in pompa magna ma che sarà operativa solo da aprile, è lo specchio di come il centrosinistra sta portando avanti la riforma della sanità”, sottolinea Dedoni. 

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it