Politica

Elisoccorso, bando da 90 milioni. Il centrodestra non si fida: "Massima attenzione"

Massima attenzione sul bando da 90 milioni di euro per l’attivazione del servizio di elisoccorso in Sardegna. E’ la richiesta contenuta nell’interpellanza urgente presentata questa mattina in Consiglio regionale da tutti i gruppi di opposizione.



CAGLIARI - L’iniziativa della minoranza arriva a pochi giorni di distanza dalla delibera dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che ha aperto un’indagine su alcune società private vincitrici di svariati appalti per la prestazione di servizi antincendio e di elisoccorso. L’ipotesi contestata è la creazione di un cartello per impedire la libera concorrenza in una gara pubblica. Tra le 18 procedure pubbliche sotto la lente dell’Agcm, ci sono anche gli ultimi due appalti per il servizio antincendio assegnati dalla Regione Sardegna nel 2012 e 2015 a un’Ati costituita da Airgreen, Eliossola, Alifriulia, Star Work e Elitellina.

«Non entriamo nel merito delle indagini, sarà la magistratura a verificare la presenza di eventuali atti illegittimi – ha spiegato Alessandra Zedda, consigliera di Forza Italia e prima firmataria dell’interpellanza – la nostra preoccupazione è che l’appalto per l’istituzione del servizio di elisoccorso in Sardegna si svolga nella massima trasparenza e sia esente da vizi».

Il servizio di elisoccorso, deliberato nel 2014 con legge regionale, dovrebbe entrare in funzione quest’estate per poi concludersi nel 2024. Le risorse stanziate dal Consiglio ammontano a circa 90 milioni di euro per un costo annuo di circa 11,3 milioni. «Noi siamo favorevoli all’attivazione del servizio – ha chiarito Zedda – la presenza delle eliambulanze contribuirà a salvare molte vite umane, proprio per questo chiediamo alla Regione di vigilare e prevenire eventuali violazioni di legge».

Sulla stessa lunghezza d’onda il capogruppo dei Riformatori Attilio Dedoni «La politica intervenga a correggere eventuali errori prima che intervenga la magistratura – ha affermato – la sanità sarda si occupa di mille problemi ma non presta attenzione alla salute dei cittadini. C’è bisogno di riforme radicali».

Chi invece teme ulteriori ritardi nell’attivazione del servizio è il capogruppo dell’Udc Gianluigi Rubiu: «L’intervento dell’Autorità Garante potrebbe allungare i tempi, per questo non bisogna agire con superficialità – ha sottolineato Rubiu – il nostro obiettivo è far emergere eventuali problematiche presenti nell’appalto».

Per il consigliere di Fratelli d’Italia Paolo Truzzu la gara per l’elisoccorso presenta molte ombre, a partire dalla scelta di individuare tre basi anziché due: «L’attuale schema non risponde alle esigenze del territorio. Due basi avrebbero consentire di avere a disposizione anche il servizio notturno - ha detto Truzzu - non si capisce poi perché si voglia far partire l’elisoccorso prima di aver dato vita all’Azienda regionale per le emergenze e le urgenze (Areus). Quali sono le difficoltà che impediscono di nominare il direttore generale?». Domanda alle quale ha risposto il leader dell’Udc Giorgio Oppi: «La nomina del direttore generale dell’Areus è saltata per problemi interni alla maggioranza – ha affermato Oppi – la verità è che tutto il sistema non funziona, la vicenda del Mater di Olbia è l’esempio più lampante».

Di bocciatura alla giunta ha parlato, infine, il capogruppo del Psd’Az Angelo Carta: «E’ l’ultima di una lunga serie. Prima la Corte Costituzionale ha cassato la Finanziaria, poi la Corte dei Conti e l’Anac hanno bacchettato al Regione sulla Ct2 e Abbanoa, ora arrivano i rilievi dell’Agcm sugli appalti per i servizi antincendio – ha rimarcato Carta – la Giunta dei professori dimostra tutta la sua inadeguatezza. E’ necessario che ora si eviti un’altra brutta figura sull’elisoccorso». 

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it