Politica

Alghero, denuncia del M5S contro costruzione di un chiosco nella laguna del Calik

La laguna del Calik "messa a repentaglio" dalla prossima realizzazione di un chiosco. Il tutto a seguito di autorizzazione emessa dalla stessa Amministrazione comunale.



E' la denuncia dei consiglieri comunali di Alghero del Movimento 5 Stelle, Roberto Ferrara e Graziano Porcu. "Al di là della scelta, discutibile a prescindere, analizzando il titolo autorizzativo colpisce che in fase di convocazione della conferenza dei servizi, i rappresentanti degli enti chiamati a tutelare la sicurezza delle persone e il patrimonio ambientale, storico e culturale non abbiano, di fatto, partecipato - spiegano i portavoce pentastellati Roberto Ferrara e Graziano Porcu -. Perché posizionare una struttura del genere proprio sulle rive della laguna ad un passo dal cosiddetto 'ponte romano'? Evitiamo di entrare nel merito anche se abbiamo chiaramente una nostra idea, ma certamente possiamo e vogliamo raccontare ai cittadini perché quel chiosco lì non ci dovrebbe essere".

"Il Ppr - fanno sapere - individua la laguna del Calik come area di interesse faunistico e oasi permanente di protezione faunistica.Ci chiediamo  - concludono - se Enti come il Savi e la Soprintendenza debbano essere chiamati obbligatoriamente a esprimersi o se il silenzio assenso possa valere, considerato che si tratta di procedimenti finalizzati alla tutela del patrimonio culturale, paesaggistico e dell'ambiente. Fatte queste considerazioni, ci auguriamo che gli enti preposti, non intervenuti alla conferenza dei servizi, possano ora valutare con adeguata attenzione il progetto proposto".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it