Politica

Trasporti, tutti i "buchi" della Sardegna. Vertice Pigliaru-Delrio, fioccano le promesse

Summit a Sassari tra il presidente della Regione e il ministro dei Trasporti. Pochi buoni segnali, abbondano incompiute e emergenze. Grido verso Roma: "Le richieste dell'Isola sono sacrosante e senza colore politico".



SASSARI - Lunghe interlocuzioni, nel capoluogo turritano, tra il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, e il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, su infrastrutture, viabilità e trasporti in Sardegna. L'incontro, in più momenti, diventa l'occasione per condividere e approfondire lo stato di avanzamento di importanti opere infrastrutturali, in particolare della mobilità su strada, e le criticità legate alle attività di Anas in Sardegna. Dopo un primo momento nella sede della Regione Sardegna, con la partecipazione dell'assessore regionale dei Lavori pubblici, Paolo Maninchedda, Pigliaru e Delrio partecipano alla conferenza stampa dell'Anas, con l'lllustrazione, da parte del presidente Armeni, dello stato dei lavori della Sassari-Olbia e l'apertura al traffico dal chilometro 26,300 al chilometro 29,100 del terzo lotto della Ss 729.

"Sulla Sassari-Olbia abbiamo fatto passi avanti importanti, ma ci sono altri cantieri che hanno bisogno di molta più iniziativa. Non possiamo permetterci buchi gravi nella mobilità: abbiamo bisogno di una governance diversa, e più efficace", dice Pigliaru facendo riferimento, in particolare, alla strada 195 per Pula, 554 per Villasimius e al manto della 131 verso Sassari. "Per evitare i ritardi che oggi siamo costretti a evidenziare, noi crediamo che un portafoglio importante come quello della viabilità sarda debba essere affidato a una gestione speciale e decentrata che consenta modalità di impulso, di controllo e quando necessario anche di sanzione. Non esistono motivazioni politiche alla base delle legittime e sacrosante richieste che la Regione sta mettendo in campo, se non la criticità delle progettazioni e dei cantieri del sistema stradale sardo", prosegue il presidente sardo. "La buona notizia odierna è la condivisione da parte di tutti, con l'impegno del Ministro, dell'individuazione di un'organizzazione rinforzata per le attività che riguardano la Sardegna, per migliorare l'esecuzione delle opere ed evitare ritardi sul grande disegno progettuale che abbiamo messo in campo assieme al Governo, anche attraverso il Patto per la Sardegna".

Il ministro Delrio condivide la posizione espressa dal Presidente Pigliaru e parte con una segnalazione all'Anas, c'è infatti la necessità di individuare rapidamente uno strumento specifico per migliorare l'esecuzione dei molti progetti in campo. A fronte della buona notizia sui progressi della nuova Sassari-Olbia, con i lotti che vengano cantierizzati e finalmente consegnati, il Ministro ha riconosciuto la necessità di accelerare su tanti altri punti della rete stradale e sui problemi di performance e di esecuzione dei cantieri, e dichiarato la disponibilità, con Anas, a mettere a correre nuovi strumenti.

Presente anche il sindaco di Sassari, Nicola Sanna. "La Sassari-Olbia, posto che ancora il pezzo di Sassari deve subire una serie di interventi importanti per consentire che il collegamento anche con Alghero, significa una unità del territorio. Con Giovanni Giovannelli prima e con Settimo Nizzi adesso stiamo concordando diverse iniziative che ci consentano di fare sistema. Un territorio che deve avere una infrastruttura che serva i due poli, Nord e Sud, ma anche tutti i paesi che stanno sull'asse e che in questi anni hanno subito il fenomeno dello spopolamento a causa delle difficoltà di collegamento ma anche per i grandi rischi della circolazione", con tanto di numerosi morti legati allo stato del precedente tracciato. "Abbiamo un progetto importante, inserito nel patto per la Sardegna", ricorda Sanna, "quello del collegamento ferroviario dell'aeroporto di Alghero con Sassari. Dobbiamo fare in modo che queste opere comincino presto. E allora questo work in progress è l'augurio a farne altre perché comunicano il fatto che si sta lavorando".

RIFORMATORI SARDI: "INCONTRO RIDICOLO" - "Una cerimonia in grande stile, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e di tutti, o quasi, i massimi vertici di Regione ed Anas, per inaugurare 3 chilometri della nuova Sassari-Olbia è palesemente ridicola. Peggio ancora: è offensiva, alla luce delle condizioni in cui versano le strade statali in tutta l’Isola, nei confronti dei sardi che ogni giorno si trovano a dover affrontare i disagi e i pericoli causati dal dissesto in cui, per colpa dell’Anas, versa la nostra rete viaria”, dichiara il capogruppo regionale dei Riformatori Sardi, Attilio Dedoni, commentando la visita a Sassari del ministro Graziano Delrio. E, col vantaggio di sedere all'opposizione, Dedoni ne approfitta per pungolare: "L’unica spiegazione plausibile per un evento altrimenti incomprensibile è la concomitanza con le primarie del Pd sardo".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it