Politica

Amministrative 2017, nelle grandi città Pd avanti. Risorge il centrodestra unito, M5S fuori dai giochi

Genova, Palermo, L’Aquila: i democrat fanno festa, tra sindaci eletti al primo turno o ballottaggi con Forza Italia, Lega Nord e FdI. I grillini si schiantano con la realtà dei numeri: bocciatura senza appello.



ROMA -  I primi exit poll di queste elezioni amministrative rappresentano una doccia fredda per il Movimento 5 Stelle. Stando ai primi dati, in nessuno dei centri maggiori coinvolti dalla tornata elettorale i pentastellati riuscirebbero ad andare al ballottaggio.

A Palermo è avanti Leoluca Orlando. Con una copertura del campione dell'80%, è in testa nella sfida a sindaco il primo cittadino uscente (Democratici e popolari, Sinistra comune, Uniti per Palermo e liste civiche) al 39-43%, seguito da Fabrizio Ferrandelli (Fi, Udc, Cantiere popolare e liste civiche) al 26-30%, Salvatore Forello (M5s) al 18-22% e Ismaele La Vardera (Noi con Salvini e Fdi-An) 2-4%.

Genova è testa a testa tra Marco Bucci (Lega Nord, Fi, Fdi-An, Direzione Italia, Lista civica Vince Genova) al 33-37% e Giovanni Crivello (Pd, Sinistra a sinistra, liste civiche) al 33-37%: se i risultati fossero confermari, andrebbero dunque al ballottaggio. Ne resterebbero fuori invece Luca Pirondini (M5s), fermo al 18-22%, e Paolo Putti (Lista civica Chiamami "Genova") al 2-4%.

Parma il sindaco uscente Federico Pizzarotti (38-42%), ex M5S, se la vedrà al secondo turno con il candidato del centrosinistra Paolo Scarpa (28-32%): l'esponente M5S Daniele Ghirarduzzi si ferma tra il 13 e il 17%.

Nella sfida de L'Aquila andrebbero al ballottaggio il candidato di centrosinistra Americo Di Benedetto (Pd, Articolo 1 democratici e progressisti, liste civiche, Socialisti e popolari, Democratici e socialisti) al 46-50% con il candidato di centrodestra Pierluigi Biondi (Fi, Udc, Fdi-An, Noi con Salvini, liste civiche) al 30-34%. Carla Cimoroni (Sinistra bene Comune L'Aquila a Sinistra e liste civiche) è al 7-11% e Fabrizio Righetti (M5S) è al 4-8%.

Verona si profila il ballottaggio tra Orietta Salemi (Pd e liste civiche) al 22-26% e Federico Sboarina (Fdi-An, Fi, Lega Nord, Partito pensionati, Indipendenza noi Veneto e liste civiche) al 22-26%, seguiti da Patrizia Bisinella (Movimento Fare! e liste civiche) al 18-22% e Alessandro Gennari (M5s) al 9-13%.

Taranto è in testa la candidata di centrodestra Stefania Baldassarri (Lista civica Forza Taranto e altre liste civiche) al 18-22,0%, seguita da candidato del centrosinistra Rinaldo Melucci (Pd, Psi, Centristi, liste civiche) al 14-18%, Francesco Nevoli (M5s) 13-17%, Mario Cito (Lega d'Azione meridionale) 13-17%.

Catanzaro, con una copertura del campione dell'80%, secondo gli exit poll andrebbero al ballottaggio Sergio Abramo (centrodestra) e il civico Nicola Fiorita, mentre centrosinistra e M5s sarebbero fuori.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it