Politica

Ludopatie, Sardegna maglia nera. "Contro il gioco d'azzardo ancora nessuna legge"

La Sardegna è, insieme a Calabria e Sicilia, tra le poche regioni a non avere ancora una normativa in materia di contrasto al gioco d'azzardo patologico. In Consiglio regionale ci sono due proposte, bloccate.



CAGLIARI - In Sardegna il rischio ludopatie si fa preoccupante. La nostra Isola ha ritmi di crescita del fenomeno superiori alla media nazionale: con 20 mila slot machine installate nel territorio regionale, una ogni 90 abitanti, è tra le regioni italiane con più dipendenti da gioco. E secondo una stima i sardi ogni anno spendono in totale 1,5 miliardi.

Per Francesco Agus (Campo progressista), primo firmatario di una delle due proposte sul tema presentate in questa legislatura, questa situazione non fa onore alle istituzioni sarde. "E’ urgente intervenire con decisione per attuare programmi regionali per la prevenzione e la riduzione del rischio di dipendenza da gioco d’azzardo, e per l’assistenza delle persone già affette da ludopatia attraverso percorsi terapeutici e di reinserimento sociale".

Su sollecitazione dei consiglieri regionali di Campo Progressista la Giunta regionale si è impegnata nel corso della discussione dell’ultima finanziaria regionale a intervenire celermente in materia. Con l’Interrogazione presentata oggi da sei consiglieri regionali di diverse forze politiche, si chiedono i motivi del ritardo nell’attuazione degli interventi sollecitati dai consiglieri regionali e annunciati dall’assessore della Sanità.

Non sono infatti più sufficienti, si legge in una nota, le sole azioni adottate dalle amministrazioni comunali (Cagliari e Sassari) che provano ad arginare autonomamente il fenomeno che colpisce le proprie comunità attraverso la regolamentazione degli orari di funzionamento degli apparecchi da gioco, e le distanze minime da scuole, chiese e ospedali.

"Occorre infine che la Sardegna si doti di una legge regionale sul tema - conclude Agus - è stata tra le prime a firmare il Manifesto per la lotta alla ludopatia, ma tra le poche regioni a non aver ancora legiferato in materia. In Consiglio Regionale sono da tempo depositati due disegni di legge sul tema delle ludopatie. E’ necessario approvarli quanto prima, per dotare gli enti locali di un quadro normativo certo e omogeneo in tutta l’isola, e per sostenere finanziariamente programmi per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio da dipendenze. Temporeggiare ulteriormente su un tema di tale portata sociale e sanitari avrà come effetto l’aumento inarrestabile del disagio sociale e della spesa sanitaria per la cura dei soggetti patologici. Possiamo permettercelo?".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it