Politica

Lotta alla siccità, la Regione mette mano alle dighe. Piano restyling da 50 milioni

Sugli invasi dell'Isola, in attesa della pioggia vera, arriva quella di euro. Sicurezza, funzionalità ma soprattutto efficienza: 46 interventi in tutte le strutture sarde.



CAGLIARI - Dighe più sicure e funzionali. Presentata, a Villa Devoto, dal presidente della Regione, Francesco Pigliaru, dagli assessori regionali  Raffaele Paci ed Edoardo Balzarini e dall'amministratore unico di Enas Giovanni Sistu, la programmazione relativa ai milioni di euro dal Patto per la Sardegna sottoscritto a luglio dell'anno scorso: una parte, 50 milioni, vegono destinati alle dighe, per un piano di manutenzione straordinaria.

50 MILIONI PER LE DIGHE - Più sicure, più funzionali, più efficienti: per le dighe della Sardegna si apre una fase tutta nuova. Gli interventi programmati sono complessivamente 46 e sono suddivisi in tre tipologie: riqualificazione funzionale delle opere di sbarramento per il superamento delle criticità strutturali nei serbatoi con limitazioni di invaso (34 interventi per un totale di 28 milioni e 45mila euro): in questo modo, realizzati i lavori di messa in sicurezza necessari, verrà notevolmente aumentata la capacità consentita e dunque superati i problemi legati alle restrizioni della quantità d'acqua; messa in sicurezza e dismissione (2 interventi da 11 milioni e mezzo) delle dighe che, pur essendo in capo alla Regione, non sono direttamente di proprietà di Enas; messa in sicurezza delle dighe del sistema idrico multisettoriale regionale (Simr), ovvero di quelle dighe gestite da Enas che forniscono acqua contemporaneamente per uso potabile, irriguo e industriale: 10 milioni e 455mila euro suddivisi in 10 interventi. Tutti gli interventi saranno attuati attraverso il ricorso ad apposite convenzioni da stipulare con i soggetti attuatori, principalmente Enas.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it