Politica

Attentato al centro di accoglienza. La sindaca: "Inaccettabile, Dorgali non è un paese razzista"

"Non ci sono parole per esprimere lo sgomento che segue una notizia come quella di stamattina. La nostra Comunità non merita di subire azioni di questo tipo".



Commenta così la sindaca Maria Itria Fancello l'attentato avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì nel centro di accoglienza per migranti di Dorgali.

"L'ordigno che è esploso stanotte è un segnale inaccettabile di violenza - prosegue - che colpisce non solo gli ospiti e gli operatori del centro di accoglienza, ma anche tutti i dorgalesi. Oggi siamo tutti vittime di chi non è in grado di risolvere i problemi in maniera civile. Dorgali non è, e non sarà mai, un paese razzista. E' un paese di migranti, che ha sempre dimostrato la sua capacità di accogliere gli stranieri e di confrontarsi con loro, qualunque fosse la loro provenienza. Anche con i ragazzi di “Su Babbu Mannu” la nostra comunità ha instaurato un ottimo rapporto: hanno partecipato a numerose giornate ecologiche, mettendosi al servizio della comunità, hanno partecipato ad attività culturali, sportive, ed hanno instaurato rapporti di amicizia con moltissime persone. Non dobbiamo e non vogliamo - conclude - nascondere la testa sotto la sabbia: i problemi legati alle migrazioni esistono e sono da affrontare nelle sedi opportune. Il Governo italiano, il Parlamento, ma soprattutto l'Europa hanno il dovere e il potere di dare risposte vere e concrete alla questione immigrazione. Prendersela con i più deboli, in una battaglia tra poveri, non porterà mai ad una soluzione del problema".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it