Politica

La Gran Bretagna conferma la Brexit. Per il divorzio dall'Ue è pronta a pagare 40 miliardi

Nuovo passo avanti verso il "goodbye" al Vecchio Continente. Il governo inglese pronto a mettere mano al portafoglio e pagare una cifra record se Bruxelles accetta un accordo ad hoc sul commercio.



La Gran Bretagna sarebbe disposta a pagare fino a 40 miliardi di euro all'Unione Europea per regolare il suo divorzio dalla Ue. È quanto rivela il Sunday Telegraph, citando fonti governative. Il saldo del conto per la Brexit avverrebbe però solo se Bruxelles accetterà di negoziare l'accordo economico nel contesto di un'intesa sulle relazioni future che comprenda anche un accordo sul commercio. Fonti di Whitehall a conoscenza del dossier, citate dal Telegraph, confermerebbero la notizia.

Sembra quindi confermarsi quindi il "goodbye" di Londra all'Europa. Il primo atto oltre un anno fa: è il 23 giugno 2016 quando gli inglesi dicono "no" al resto del Vecchio Continente. I leave ottengono la maggioranza e i remain vanno sotto di quattro punti. Al voto il 71,2 per cento degli aventi diritto. Dopo anni di lotte e battaglie, l'euroscettiscismo si concretizza nel paese del the e della pioggia. Andando a scorporare i dati, la Scozia è l'unica ad essere in controtendenza: oltre il 60 per cento vota per restare in Europa. Discorso inverso per il Galles, con i contrari al 55 per cento, e, ad eccezione di Londra, tutta l'Inghilterra, con il sessanta per cento tondo che, attraverso le urne, dice "goodbye Europe".

Ultimo aggiornamento: