Politica

Online gli atti del Consiglio regionale: tutte le assemblee dal 1949

Da oggi è online la raccolta completa dei resoconti integrali delle sedute dell'Assemblea regionale sarda.



Il sito del Consiglio regionale ospita al proprio interno, nell'apposita sezione dedicata in home page, un portale "storico" dedicato ai resoconti, a partire dalla prima seduta consiliare del lontano 28 maggio 1949, quando, nell'aula consiliare del Comune di Cagliari un emozionato presidente provvisorio, Angelo Amicarelli, espresse un caloroso e sentito ringraziamento all'Alto Commissario per la Sardegna, il generale Pietro Pinna e ai suoi collaboratori definendoli "artefici dell'Autonomia".

«Abbiamo avviato un percorso fortemente condiviso dalla struttura consiliare – ha sottolineato il presidente del Consiglio, Gianfranco Ganau – che consente di mettere a disposizione di tutti i sardi la storia della nostra Autonomia e con la pubblicazione di qualche mese fa degli Acta Curiarum, la Collana dedicata agli atti dei Parlamenti sardi, anche l'intera storia della nostra Regione. Un lavoro importante – ha proseguito il massimo rappresentante dell'Assemblea sarda – completamente gestito in house, grazie al lavoro del personale del Consiglio regionale che ha consentito di digitalizzare quasi 100 mila pagine per un totale di 91 volumi».

IL PROGETTO. Tutti i resoconti delle sedute d'Aula, dalla prima alla decima legislatura, sono stati digitalizzati per consentire la realizzazione di questo ambizioso progetto, intrapreso alla fine del 2015, con l'obiettivo di mettere a disposizione di tutti, consiglieri regionali, operatori consiliari, tecnici, studiosi del diritto parlamentare e più in generale dell'intera collettività, tutto il patrimonio documentario sin dalle origini dell'Assemblea legislativa sarda.

I RESOCONTI. La realizzazione del progetto di digitalizzazione degli atti consiliari consente la fruizione online di ben 3976 resoconti stenografici delle sedute assembleari a decorrere dalla prima legislatura e fino alla decima; gli atti successivi dalla undicesima legislatura sino a quella in corso, trovavano già spazio sul sito internet del Consiglio regionale, mentre i resoconti integrali già dalla XIV Legislatura vengono pubblicati in contemporanea, unitamente al video della seduta stessa.

LA STORIA. «Per il resoconto delle sedute assembleari – ha spiegato la dirigente del servizio Documentazione istituzionale e bibliotecaria, Rita Gatto - era stata utilizzata sin dal principio la figura professionale degli stenografi che, a partire dal 1982, insieme ai dattilografi, ai quali veniva dettato l'audio della seduta, avevano il compito di trascrivere tutti gli interventi in Aula; gli interventi venivano revisionati e corretti dai funzionari revisori e poi trasmessi alla tipografia incaricata di stamparli, questo sino alla fine della XIII legislatura».

L'innovazione tecnologica ha poi consentito dal 2006 l'introduzione di nuovi metodi di lavoro, in particolare con il ricorso a un nuovo sistema è stata introdotta la figura del resocontista consiliare che, come gli ex stenografi, ha il compito di registrare in aula "un pezzo" del dibattito della lunghezza di dieci minuti, da dettare, non più come in passato al dattilografo, ma con un sistema di "viva voce" direttamente al computer. I singoli pezzi venivano assemblati e successivamente pubblicati sul sito internet del Consiglio, una o al massimo due ore dopo la conclusione della seduta.

L'INNOVAZIONE. «Da pochi mesi è operativo un nuovo sistema attivato nell'ambito del progetto Concilium – ha proseguito la Gatto - una piattaforma software semplice e flessibile che alleggerisce il lavoro delle segreterie organizzative in tutte le fasi di gestione dei Consigli, nel pieno rispetto delle norme che regolano i processi di dematerializzazione, economicità, tracciabilità e riservatezza dei documenti».

Per la trascrizione dei resoconti integrali delle sedute è utilizzato un modulo specifico di Concilium che a regime consentirà la trascrizione automatica e la pubblicazione in tempo reale dei resoconti delle sedute consiliari sul sito del Consiglio.

«Questa nuova pubblicazione consentirà non solo agli studiosi, ma soprattutto ai cittadini, di ripercorrere agevolmente le varie tappe della storia della Regione – ha ribadito il presidente Ganau - Il progetto prevede anche la pubblicazione di tutti gli atti dell'Alto Commissariato e della stessa Consulta che elaborò lo Statuto, dando origini all'Assemblea legislativa sarda (1944-1947), e dell'Archivio fotografico relativo alle varie legislature».

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it