Politica

Eelzioni Regionali. La Sardegna č del centrodestra, Solinas Governatore

"Oggi ha vinto la Sardegna. Ringrazio i sardi della fiducia, č stato premiato il progetto di governo che abbiamo presentato".



Il candidato della coalizione di centrodestra ottiene il 47,79% dei voti con un distacco di 14 punti da Massimo Zedda che si ferma al 32, 94%.

Delusione per Il Movimento 5 Stelle, che arranca e, con Francesco Desogus, raccoglie l'11,18% dei consensi.

Molto indietro gli altri quattro candidati, che non vanno oltre il 5% necessario per eleggere almeno un rappresentante.

Paolo Maninchedda del Partito dei sardi si attesta al 3,3%, Mauro Pili con Sardi Liberi al 2,3%.

Delusione anche per Autodeterminatzione e Andrea Murgia, sotto al 2%, e per l'esponente di Sinistra sarda, Vindice Lecis (0,59%).

La coalizione di centrodestra fa il pieno di voti: le 11 liste che lo sostengono superano il 50% delle preferenze.

La Lega ottiene l'11,365 dei voti (8 seggi), il Partito sardo d'azione il 9,8% (7 seggi), seguono Forza Italia e Fratelli d'Italia, con rispettivamente l'8,02% (6 seggi) e il 4,73% (3 seggi). I Riformatori sardi superano il 5% (3 seggi).

Conquistano seggi anche Pro Sardinia-Unione di Centro (3), Sardegna 20 20 (3), Fortza Paris e Sardegna Civica (1).

Nel centrosinistra, il Partito democratico è il primo partito, con il 13,475 dei consensi (8 seggi), seguito da Liberi e Uguali (3,82%, 2 seggi), Campo Progressista (3,19%, 2 seggi), Noi, la Sardegna (2,81%, 2 seggi), FuturoComune (2,64%, 2 seggi) e Sardegna in Comune (2,47%, 2 seggi).

Il Movimento 5 Stelle si ferma al 9,71% e conquista 6 seggi.

Ultimo aggiornamento: