Scienza e Tecnologia

Sordi indipendenti con ‘IntendiMe’. La startup vince al Contamination Lab e vola negli Stati Uniti

L'idea di quattro giovani universitari trionfa alla finale del contest organizzato dall'Università di Cagliari e Innova.re. Tante le startup realizzate, dal primo gioco ispirato al pensiero laterale al noleggio occasionale di barche private.

CAGLIARI - 120 studenti coinvolti, 19 idee d’impresa sviluppate, 8 finalisti: il progetto di accompagnamento alla cultura d’impresa avviato nel 2013 dall’Università di Cagliari sotto l’egida di Innova.Re porta alla vittoria la startup ‘IntendiMe’ – obbiettivo, migliorare la vita delle persone con problemi di udito, facendole sentire più indipendenti -. Il team, formato dagli universitari Alessandra Farris, Giorgia Ambu, Antonio Pinese e Andrea Mura, vola negli Stati Uniti per presentare il progetto davanti agli aventure capital statunitensi, grazie alla sponsorizzazione dell’Ambasciata americana. Certa anche la partecipazione alla finale nazionale di InnovAction Lab. La startup dedicata ai non udenti è semplice quanto rivoluzionaria: basta attaccare una placchetta vicino alla fonte sonora prescelta e, quando questa rileva un suono, si riceve un avviso sul proprio smartphone, tablet o dispositivo da polso, tramite un’applicazione. L’intero sistema è coadiuvato da un’unità centrale che gestisce, monitora e migliora la comunicazione tra i dispositivi, dando anche la possibilità all’utente di poter beneficiare delle funzionalità del sistema anche fuori dall’abitazione.

Seconda posizione per ‘Newmes’, una startup che sviluppa il primo gioco ispirato al pensiero laterale. La prima versione è un gioco di società basato su sfide botta e risposta con l’utilizzo di strumenti di ragionamento tratti dalla teoria di Edward de Bono, psicologo di fama internazionale. Il team è formato da Marco Deiana, Francesca Zorcolo, Debora Fanti e Matteo Cogoni. Ultimo gradino del podio per ‘Naustrip’, piattaforma web basata sulla sharing economy che consente il noleggio occasionale e giornaliero di imbarcazioni private. L’intento è risolvere il problema degli alti costi che i proprietari di barche devono sostenere, permettendo loro di guadagnare grazie alle escursioni in barca che proporranno sul sito e che i turisti e amanti del mare possono prenotare. La squadra degli ideatori-innovatori è composta da Alberto Fara, Luca Solaro, Maria Antonietta Melis, Ousmane Dieng. Premiata, dal Crs4, anche ‘Babaiola’, startup che fa trovare il viaggio che tiene conto dei sentimenti e delle emozioni di una persona. Basta digitare l’esperienza vacanziera che si desidera e Babaiola, tramite il suo algoritmo, suggerisce le destinazioni più adatte.

(Nella foto: un momento della premiazione)

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it