Scienza e Tecnologia

La salute della Terra controllata dallo spazio. Sulla rampa di lancio il Sentinel-2B - LE FOTO

Dalle attività agricole alla deforestazione, dalla qualità delle acque costiere e interne al monitoraggio dei ghiacciai. Si avvicina lo start alla nona missione, motori accesi il prossimo 7 marzo dalla Guyana francese.



Sentinel-2B è una delle 'Sentinelle' dell'ambizioso programma Copernicus della Commissione europea e dell'Agenzia spaziale europea per l'osservazione della Terra. Il satellite, una volta in orbita, isi 'affianca al suo gemello Sentinel-2A, nello spazio da giugno 2015, facendo compiere un importante passo avanti all'Europa nel monitoraggio del nostro pianeta. A portare nello spazio Sentinel-2B è il lanciatore Vega che con questo volo segna la sua prima missione del 2017, la nona dal suo volo inaugurale del 2012. "Con il lancio di Sentinel-2B si chiude un cerchio perché insieme al suo gemello Sentinel-2A, copre, ogni cinque giorni, tutte le superfici terrestri, le grandi isole e le acque interne e costiere", spiega all'AdnKronos l'esperta del programma Copernicus, Alessandra Tassa, del direttorato programmi osservazione della Terra dell'Esa.

Una volta in orbita, Sentinel-2B ha il compito di monitorare lo stato di salute del nostro pianeta, fornendo immagini ottiche ad alta risoluzione della vegetazione, del territorio e delle acque interne e costiere. Ma non solo. I sofisticati "occhi" del satellite sono in grado di dare informazioni importanti anche in caso di emergenze. Come "i dati per mappare le aree dove si verificano incendi per la valutazione del danno", indica Tassa. "Una volta in orbita insieme - scandisce l'esperta dell'Esa - Sentinel-2A e Sentinel-2B forniscono il doppio dei dati ed è una ripetitività di cui si sentiva l'esigenza".

Nonostante vengano lanciati separatamente, i satelliti vengono messi sulla stessa orbita, il sette marzo prossimo, separati da 180 gradi. Ogni cinque giorni, i satelliti riescono a coprire insieme tutte le superfici terrestri, le grandi isole e le acque interne e costiere alle latitudini comprese tra 56°S e 84°N, ottimizzando la copertura globale e la fornitura di dati per numerose applicazioni. La missione ha a bordo un'innovativa fotocamera multi-spettro ad alta risoluzione, con 13 bande di spettro per una nuova prospettiva del territorio e della vegetazione. La combinazione delle nuove capacità di spettro ad alta risoluzione, un campo di visione che copre 290 chilometri e i frequenti passaggi forniranno viste senza precedenti della Terra. Tra le sue applicazioni, la missione fornisce informazioni per le pratiche agricole, dando una mano alla gestione della sicurezza alimentare. Inoltre, fornisce mappe dello stato e dei cambiamenti della copertura terrestre e controlla le foreste nel mondo. "Sentinel-2 è una missione simbolo del monitoraggio della Terra", afferma Tassa. I dati costituiscono un importante supporto per le politiche sull'ambiente, sul clima e sulle attività agricole. "C'è una ripetitività di dati, una frequenza con risoluzione di 10 metri che permetteranno seguire anche colture dalla crescita rapida" sottolinea l'esperta dell'Esa. "Grazie alla politica Open Access - rimarca Tassa - abbiamo oltre 60mila utenti registrati" per ricevere i dati che inviano le 'Sentinelle'. "Questi satelliti stanno avendo un successo enorme, abbiamo oltre 9 milioni di dati di diverso tipo, dai dati geofisici a quelli sulla concentrazione di clorofilla".

ADNKRONOS

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it