Scienza e Tecnologia

Innovazione, il futuro del turismo è nelle app

Monitoraggio delle spiagge, app per i clienti e artigianato: a Sinnova le innovazioni sarde per lo sviluppo del turismo.



CAGLIARI - Il boom e lo sviluppo di uno dei settori trainanti dell'economia isolana, il turismo, è al centro anche di molte soluzioni innovative studiate dalle imprese dell'ICT per agevolare operatori e visitatori e questa mattina, in apertura della seconda giornata di Sinnova 2017 è stato al centro della tavola rotonda cui ha preso parte anche l'assessora regionale Barbara Argiolas. Con lei a parlare di turismo sostenibile anche Giacomo Del Chiappa (Università degli Studi di Sassari - CRENoS), Chiara Di Guardo (CREA - Università di Cagliari), Paolo Manca (Federalberghi) e Daniela Ducato (Edizero).

"La Sardegna ha una storia di innovazione tecnologica molto forte, oggi non c'è turismo senza innovazione digitale", ha sottolineato la titolare del Turismo. "Sinnova è anche l'occasione per parlare di innovazione culturale e sociale, oggi più di ieri parlare di turismo ci impone di focalizzarci su un tema forte: quale viaggiatore vogliamo che arrivi in Sardegna? Il viaggiatore deve convivere con uno dei nostri attrattori più forti, il paesaggio", ha spiegato, "ma il sistema contempla anche i cittadini, gli enti e le imprese, cioè tutti coloro che contribuiscono a definire l'offerta del turismo. Oggi parlare di innovazione significa creare quella sintesi di interessi, a volte anche contrapposti, che possono insistere in un modello di governance del turismo. La Regione è impegnata perché i cittadini, le imprese, la tutela del paesaggio e i viaggiatori possano trovare una sintesi di obiettivo". "La tecnologia fa parte del viaggio, dalle app alla fruizione dei siti culturali l'accessibilità, che consentono ai viaggiatori di andare in vacanza, la tecnologia oggi consente a tutti di vivere il mondo e la Sardegna oggi in termini di accessibilità è sostenibilità vuole fare da apripista", ha concluso Barbara Argiolas.

E a Sinnova 2017 sono molti gli esempi di tecnologie applicate al turismo, a partire dalla start up femminile Hedya che ha sviluppato BRB - Be Right Beach, un sistema IoT che fornisce informazioni in tempo reale sullo stato delle spiagge, consentendo di pianificare i propri spostamenti e ottimizzare la propria giornata al mare. Composto da due moduli per ogni spiaggia, uno a terra ed uno in acqua, BRB informa attraverso una app in tempo reale sullo stato dello specchio di mare (temperatura, PH, torbidità, moto ondoso) e dell'arenile (temperatura, vento, livello di radiazione solare), incluso il grado di affollamento (ricavato dalle immagini elaborate con un opportuno algoritmo di computer vision). Il sistema a terra, che agisce come master, è installato su un palo dotato di webcam; il sistema in acqua consiste di una boa sensorizzata, con alimentazione a batteria, i due sistemi sono collegati mediante WiFi, mentre il sistema a terra è collegato a Internet via mobile.

Sono rivolti agli operatori i software presentati da Novaprom e Prossima Isola. La prima ha ideato DigEAT, un software specifico per il settore dell'accoglienza turistica (ristoranti, pizzerie, pub, stabilimenti balneari, bar, discoteche) che aiuta nella gestione delle comande e delle prenotazioni, della fatturazione e del magazzino e consente ai clienti attraverso una app di provvedere in autonomia all'ordine delle portate direttamente dal tavolo, di effettuare una prenotazione o di effettuare la chiamata del personale per assistenza.
Punta sul marketing Zillion, il sistema ideato da Prossima Isola, attraverso il quale le strutture alberghiere sono in grado di eseguire tutti i passaggi necessari per una corretta distribuzione commerciale online dei prodotti e servizi da loro offerti: dalla gestione dei contenuti di un sito web, nelle varie lingue, all'e-commerce.

È anche grazie al turismo che settori come l'artigianato e l'agrifood sviluppano la propria spinta all'innovazione e a realizzare prodotti molto apprezzati dai visitatori.  Magnanima Saccarifera ha ideato InVeloVeritas, una linea di complementi d'arredo, capi d'abbigliamento e accessori ricamati con l'utilizzo di macchine ricamatrici digitali, unendo le tecnologie della fabbricazione digitale alla manifattura tessile tradizionale attraverso l'utilizzo di macchine ricamatrici e macchine per il taglio laser.

Le grafiche sono ispirate ai motivi del patrimonio tessile tradizionale, dal design moderno ed essenziale. Tra i materiali utilizzati c'è il multistrato o il feltro di lana sarda naturale, per realizzare complementi di arredo o elementi da assemblare ad articoli più complessi, come collane in tessuto. Alla pittura a mano classica e alla confezione tessile si uniscono le nuove competenze acquisite nel campo della fabbricazione digitale.
A esaltare i sapori tradizionali, rivisitandoli, ci pensa Argiolas Formaggi che a Sinnova 2017 presenta due prodotti della linea Exclusive: Aristeo - Pecorino al rosmarino e Aristeo - Pecorino alle olive, formaggi di pecora a pasta tenera con un ingrediente caratterizzante nella loro composizione. L'Aristeo alle Olive è caratterizzato dalle olive del Parteolla, mentre l'Aristeo al rosmarino è aromatizzato con la pianta tipica della macchia mediterranea, presente in tutta l'Isola. Per l'Azienda agricola biologica di Gianluca Floris lo yogurt cremoso di pecora biologico, prodotto utilizzando esclusivamente il latte ovino proveniente dall'allevamento bio della stessa azienda agricola.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it