Scienza e Tecnologia

Contro la SLA c'è anche IRKAlS: un Progetto di Ricerca dell'Università di Sassari

Il progetto sviluppato dall'Università degli Studi di Sassari è tra i sei progetti di ricerca selezionati da AriSLA, su 143 presentati a livello nazionale.



La Fondazione Italiana di ricerca per la SLA ha annunciato i progetti vincitori, tra i quali figura IRKALS, "Studio su Retrovirus endogeni umani per valutarne il coinvolgimento nella SLA e l'utilità come biomarcatori". Il progetto durerà 12 mesi per un valore complessivo di 57.000 euro.
"Abbiamo notato che nei pazienti affetti da SLA c'è una spiccata risposta immunitaria nei confronti di questo retrovirus, perciò indagheremo per verificare in che modo l'espressione di HERV-K  e la risposta immunitaria contro le proteine espresse possano contribuire alla degenerazione neuromotoria", ha spiegato il coordinatore scientifico Leonardo Sechi.
I Retrovirus endogeni umani (HERVs) sono residui di infezioni retrovirali che si sono verificate nei nostri antenati e sono stati incorporati nel DNA un periodo che va dai 70 ai 30 milioni di anni fa, rappresentando oggi circa l'8% del genoma umano. Recenti ricerche hanno messo in evidenza l'espressione di quantità elevate del retrovirus HERV K ed anticorpi contro il retrovirus stesso, nel sangue e nel fluido spinale di una parte dei pazienti affetti da SLA.
Obiettivo del progetto sarà quello di esaminare l'espressione di HERV K e la risposta immunitaria umorale e cellulare nei confronti degli antigeni di HERV-K, nel siero e nel liquor dei pazienti SLA e confrontarli con la risposta ottenuta in altri pazienti neurologici (Sclerosi Multipla, Progressive Cognitive Decline) e nelle persone sane dove il retrovirus è usualmente dormiente.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it